Scuola, il messaggio del ministro Bianchi agli studenti

Scuola, il messaggio del ministro Bianchi agli studenti
Corriere della Sera INTERNO

Il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi ha usato i social per condividere il suo messaggio agli studenti italiani che oggi rientrano in classe, ma anche al personale e alla comunità scolastica che ha collaborato per permettere l'avvio delle lezioni

(Corriere della Sera)

Su altri media

LEGGI ANCHE. Le lezioni da remoto. «La classe sta proseguendo le lezioni da remoto. A due giorni dalla prima campanella sono finiti in quarantena alcuni studenti delle superiori e della primaria, in seguito alla scoperta di un compagno positivo al Covid. (Notizie - MSN Italia)

Già due i casi in Veneto. Covid, già scoppiano i primi casi a scuola, ci sono 8 classi in Dad al Nord. Ci sono dei casi di Covid già nelle scuole ed alcune classi hanno già ricominciato la Didattica a distanza (Dad). (Centro Meteo italiano)

Se tenere la mascherina significa tenere i ragazzi lontani dalla Dad sul divano allora va bene». L’algoritmo «in fondo non ha funzionato male — dice — la cattedra quest’anno mi è stata data il 3 settembre. (Corriere della Sera)

Bocciato a giugno, il Tar gli dà ragione «Difficoltà legate alla pandemia»

E' un primo giorno di scuola particolare, "carico di speranza", come sottolineato dal presidente della regione Campania Vincenzo De Luca. Suona la prima campanella, si torna a scuola: "Che la Dad resti solo un ricordo" Studenti in aula, gli auguri dei sindaci della provincia di Salerno: "Un giorno importante". (Ottopagine)

Il dirigente scolastico comunica che, dopo accertamenti, “nessuno è stato esposto a una situazione di contagio a scuola e dal 16 settembre riprenderanno le lezioni in presenza”. iprenderanno, da domani, le lezioni in presenza tutti gli studenti della classe 1B linguistico del liceo Porporato di Pinerolo. (VocePinerolese.it)

Alcuni giorni fa lo stesso Tar aveva rigettato un altro ricorso contro la bocciatura di uno studente di una scuola superiore della provincia, ritenendo in quel caso che la impreparazione dell'alunno non fosse stata stata causata dalle difficoltà connesse alla pandemia. (quotidianodipuglia.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr