Coronavirus, buoni risultati sull’uomo di un vaccino sviluppato in Australia

QuiFinanza QuiFinanza (Salute)

Il vaccino è stato somministrato questo mese a 40 volontari sani, nessuno dei quali ha riportato effetti collaterali significativi o febbre.

I risultati definitivi dello studio, in via di pubblicazione, sono stati comunicati da Nikolai Petrovsky, direttore di Endocrinologia del Flinders Medical Centre.

Il vaccino è stato sviluppato dall’Università Flinders di Adelaide ed è il primo fra i candidati vaccini in via di sviluppo in Australia a superare le sperimentazioni di fase 1.

editato in: da. (QuiFinanza)

La notizia riportata su altri media

Abbiamo scoperto purtroppo che alcune delle cure usate all’inizio non sono efficaci: pensiamo agli antivirali, all’idrossiclorochina. Lo abbiamo chiesto al Prof. Richeldi, primario di pneumologia del Policlinico Gemelli e membro del Comitato Tecnico Scientifico sul Covid-19. (Radio Radio)

«Penso - ha spiegato - che la notizia di un vaccino pronto per essere distribuito prima di testarlo sia come minimo problematico». Il progetto di sviluppo del vaccino è sostenuto dal Ministero della Ricerca con il Cnr e dalla Regione Lazio (Avvenire)

«Abbiamo confermato che il vaccino Covax-19 può indurre risposte anticorpali adeguate in soggetti umani», ha dichiarato Petrovsky, fondatore della società di biotecnologie Vaxine. Sappiamo che» il candidato vaccino «non farà male perché ora sappiamo che è completamente sicuro». (Corriere Adriatico)

E sperimentarlo su giovani in salute non fornirebbe dati molto affidabili in questo senso. In questo modo si potrebbero verificare velocemente sicurezza ed efficacia del vaccino, e raccogliere dati preziosi sull’evoluzione clinica di covid in un setting controllato. (Wired Italia)

Questo mese Sinovac ha lanciato una sperimentazione di fase III del suo vaccino in Brasile, dove verranno arruolati circa 9.000 operatori sanitari. Vaccini e coronavirus: a che punto siamo? (Quotidiano Sanità)

Leggi anche: Covid, il vaccino funziona. Lo studio, informa l’Aifa, parte dopo che il vaccino ha dimostrato sugli animali di essere sufficientemente sicuro e in grado di generare una risposta immunitaria. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr