Messina Denaro, sulle orme del fantasma. Il blitz dei pm di Trento in Olanda nato da un'inchiesta sul ricicla…

La Repubblica INTERNO

Continua la caccia alla Primula rossa di Castelvetrano: nell'indagine sui boss agrigentini le intercettazioni su un "canale di comunicazione".

Messina Denaro, sulle orme del fantasma.

Il blitz dei pm di Trento in Olanda nato da un'inchiesta sul riciclaggio internazionale di Salvo Palazzolo. E' finita in farsa l'operazione in Olanda sollecitata dall'Italia.

Le ricerche fuori dalla Sicilia

(La Repubblica)

Ne parlano anche altri media

Quando mi hanno avvertito — spiega — che era stato arrestato perché scambiato per il boss della mafia Matteo Messina Denaro, ho creduto che si trattasse di uno scherzo. Poi ha aggiunto: «Quando la moglie del mio cliente, che inizialmente era preoccupatissima, ha realizzato che si trattava di un errore e che suo marito era stato scambiato per Matteo Messina Denaro, è scoppiata a ridere e non riusciva più a fermarsi» (Corriere della Sera)

È una serata apparentemente tranquilla quella che si sta svolgendo al ristorante Het Pleidooi, a L’Aia, in Olanda. All’improvviso si fermano davanti all’ingresso sette auto e fanno irruzione nell’edificio le forze speciali della polizia locale, armi in pugno. (FormulaPassion.it)

Un turista inglese è stato infatti arrestato mentre stava cenando a un ristorante dell’Aia, in Olanda, perché confuso con il boss Matteo Messina Denaro, il latitante più ricercato d’Italia. Secondo quanto riporta il Post, alcuni anni prima il turista inglese aveva conosciuto un avvocato olandese e lo ha fatto convocare come proprio legale. (Tuscia Web)

Matteo Messina Denaro, 57 anni, originario di Castelvetrano, provincia di Trapani, è sparito nel nulla nel 1993, quando esplosero le bombe della Mafia a Milano, Firenze e Roma. Mi hanno detto che un erto Matteo Messina Denaro mi voleva come suo avvocato (Il Riformista)

È intensa e nota l'attività investigativa sulle infiltrazioni mafiose che la Procura di Trento, con il procuratore Sandro Raimondi, porta avanti da diverso tempo. Pensavano di aver preso l'ultimo latitante di Cosa nostra, Matteo Messina Denaro, il blitz sarebbe partito da Trento e arrivato fino in Olanda. (TrentoToday)

La richiesta di arresto era partita dalla procura Trento e dal procuratore Sandro Raimondi. Fatto sta che Messina Denaro è ancora a spasso non si sa dove dopo decenni di latitanza (StrettoWeb)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr