Borse incerte senza il faro di Wall Street. A Piazza Affari brilla Enel dopo i conti

Borse incerte senza il faro di Wall Street. A Piazza Affari brilla Enel dopo i conti
Altri dettagli:
Il Sole 24 ORE ECONOMIA

I verbali dell'ultima riunione della banca centrale americana e le dichiarazioni pubbliche di diversi governatori lasciano aperta la porta a un aumento dei tassi già nella prima metà del 2022.

Negli Usa sono giorni chiave per comprendere l’andamento delle spese al dettaglio e la fiducia delle famiglie, che si misurerà domani con il Black Friday.

Wall Street, che generalmente da' il tono per il giorno successivo a Tokyo, sembra anche abituarsi alla prospettiva sempre piu' probabile di una stretta monetaria negli Stati Uniti

Restano in primo piano i timori per nuovi possibili lockdown, che frenerebbero lo slancio della ripresa economica, e le prossime mosse della Federal Reserve. (Il Sole 24 ORE)

Su altre fonti

In attesa della decisione della Cina e della reazione dell'Opec, che si riunirà la prossima settimana Rialzi tra 1 e 2 decimi di punto per tutti i listini principali, mentre si attende la pubblicazione dei verbali dell'ultima riunione di politica monetaria della Bce, attesa per le 13.30. (Rai News)

Trascurati i bancari con UniCredit (MI: ) in flessione dell'1,6% dopo il balzo di ieri, debole anche Intesa Sanpaolo (MI: ) (-0,75%). A frenare gli acquisti sempre i timori per l'aumento dei casi di Covid in Europa e il rischio rialzo dei tassi. (Investing.com)

Sale lo spread tra Btp e Bund che si porta a 131 punti con il rendimento del decennale italiano all'1,065%. Milano fatica a rimettersi sui livelli delle altre Piazze con il Ftse Mib che è piatto (-0,07%% a 27.092 punti). (Tiscali.it)

Borse incerte senza il faro di Wall Street. A Piazza Affari brilla Enel dopo il piano – Isola News

Leggera flessione per il greggio con il Wti in calo dello 0,3% a 78,1 dollari Sul mercato dei cambi, la moneta unica, ieri scesa sotto 1,12 dollari, minimi dai primi di giugno 2020, passa di mano a 1,121 dollari (ieri a 1,1196 dollari). (Borsa Italiana)

Petrolio piatto nei due listini di riferimento: il Wti tratta a 78,2 dollari al barile e il Brent è a 82,2. Si arresta la corsa del dollaro: il cross tra euro e biglietto verde risale a 1,1213. (Milano Finanza)

I verbali dell’ultima riunione della banca centrale americana e le dichiarazioni pubbliche di diversi governatori lasciano aperta la porta a un aumento dei tassi già nella prima metà del 2022. Restano in primo piano i timori per nuovi possibili lockdown, che frenerebbero lo slancio della ripresa economica, e le prossime mosse della Federal Reserve. (Isola News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr