Giovani under 36: spetta il credito d'imposta al figlio che subentra al padre

Euroconference NEWS ECONOMIA

Le fatture relative alla caparra e agli acconti, emesse dall’impresa costruttrice, sono state intestate al padre, firmatario del compromesso.

Il tema sul quale è stata interpellata l’Agenzia riguarda la possibilità che il figlio, al quale è stato intestato l’immobile, possa fruire del credito d’imposta per l’intero ammontare dell’Iva sull’acquisto, indipendentemente dal fatto che le fatture di acconto fossero state intestate al padre. (Euroconference NEWS)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Le agevolazioni prima casa per gli under 36. I giovani under 36 che hanno acquistato nel 2022 la loro prima casa pagando l’Iva, potranno recuperarla sotto forma di credito d’imposta già nella dichiarazione da presentare quest’anno e relativa ai redditi prodotti nel 2021. (InvestireOggi.it)

Come si vedrà a breve, è possibile affittare la prima casa presa con le agevolazioni ma solo a patto che si rispettino determinati requisiti imposti dalla normativa. Si tenga tuttavia conto che, per arrivare alla corretta soluzione, bisognerà prima ricordare a quali condizioni spettano le agevolazioni fiscali sulla prima casa (il cosiddetto «bonus prima casa») e come fare per non perderle una volta ottenute (circostanza che comporterebbe una sanzione amministrativa elevata). (La Legge per Tutti)

Nel caso esaminato, il padre ha pagato caparre e acconti, intestandosi tutte le fatture, per poi nominare espressamente il figlio come controparte effettiva del contratto. (idealista.it/news)

Bonus prima casa 2022: i requisiti dell’immobile. La guida dell’Agenzia delle entrate chiarisce che il bonus per la prima casa consiste in una riduzione delle imposte di registro, imposte ipotecarie e catastali e in materia di IVA. (Il Sussidiario.net)

Bonus Prima Casa under 36: valide le fatture non intestate al beneficiario Ultimo Aggiornamento: 13/05/2022. Ci sono novità per quanto riguarda il Bonus Prima Casa under 36, ovvero quell’agevolazione che ammette la totale esenzione dal pagamento di tutte le imposte per gli atti legati all’acquisto della Prima Casa a favore dei giovani sotto i 36 anni. (Edilizia.com)

Questo Bonus al momento non è stato rinnovato dal governo ma rimane l’agevolazione che prevede di accedere al contributo senza presentare ISEE con una singola condizione da rispettare, ovvero l’età anagrafica. (NewNotizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr