Condono fiscale per le cartelle sotto i 5.000 euro: come funziona e cosa bisogna sapere

News Mondo ECONOMIA

Il 31 ottobre 2021 si conclude il condono fiscale per le cartelle esattoriali sotto i 5.000 euro.

Come funziona il condono fiscale per le cartelle esattoriali sotto i 5.000 euro. Si procede con la cancellazione dei debiti che alla data del 23 marzo 2021 hanno un importo residuo fino ad un massimo di 5.000 euro.

Condono fiscale, come avviene lo stralcio. Ma cosa bisogna fare per aderire al condono?

Entra nel vivo il condono fiscale per la cartelle esattoriali fino a 5.000 euro: la cancellazione dei debiti si concluderà il prossimo 31 ottobre 2021. (News Mondo)

Ne parlano anche altre testate

p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.A. – RTI S.p.A., Mediaset N.V., sede legale Amsterdam (Paesi Bassi) – Uffici Viale Europa 46, 20093 Cologno Monzese (MI) - Cap. (Mediaset Play)

Condono cartelle esattoriali: l’altro requisito. Ma proprio tutte verranno cancellate? Condono cartelle esattoriali: partono quelle per i redditi over 30.000. Le cartelle arriveranno lo stesso, a quel punto sarà importante verificare l’eventuale prescrizione o decadenza. (The Wam.net)

Condono vecchie cartelle fino a 5 mila euro: multe, bolli e tasse non pagate. Potranno essere annullate cartelle d’importo anche superiore se composte da più debiti. (Quotidiano di Ragusa)

Che non varrà per tutti: è infatti previsto che i contribuenti dovranno avere un reddito imponibile fino a 30mila euro, sia se sono persone fisiche, sia se sono enti o società. Se il contribuente ha più carichi iscritti a ruolo, conta l’importo di ciascuno: se i singoli carichi non superano i 5mila euro, possono quindi beneficiare tutti dell’annullamento. (Veneto Report)

Il limite di 5mila euro comprende, oltre al capitale iniziale, gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo e le sanzioni, ma non gli aggi e gli interessi di mora e le eventuali spese di procedura. Qualora il ruolo esattoriale sia intestato a più debitori, se anche uno solo dei cointestatari ha un reddito imponibile superiore ai 30mila euro, la cartella non verrà stralciata (EOS Sistemi avanzati scrl)

Parte lo "stralcio" delle cartelle fiscali non ancora riscosse e contestate fino al 2010 dall’Agenzia delle Entrate. I debiti oggetto di Stralcio si intendono tutti automaticamente annullati in data 31 ottobre 2021. (Gazzetta del Sud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr