"Una rissa? No, a Cortina un pestaggio con le cinghie"

Una rissa? No, a Cortina un pestaggio con le cinghie
Più informazioni:
ilGiornale.it INTERNO

Due del nostro gruppo hanno una casa per le vacanze a Cortina.

Tuttavia, uno degli altri giovani " ha subito preso di mira un nostro amico, chiedendogli con tono minaccioso cosa avesse da guardarlo "

Non si sarebbe trattato di una rissa, bensì di un pestaggio a seguito di un agguato teso da un gruppetto di turisti romani in vacanza a Cortina D'Ampezzo.

La testimonianza delle vittime. " Eravamo una comitiva di otto compagni di scuola, due ragazze e sei maschi ", raccontano i giovani. (ilGiornale.it)

La notizia riportata su altri giornali

Lo hanno fatto solo per il gusto di fare a botte, prendendoci anche a calci». Da alcuni articoli di stampa è emerso che la mamma di uno dei ragazzi avrebbe detto che Tancredi faceva parte di quel gruppo di romani. (La Stampa)

la prima querela per lesioni gravissime aggravate. (Repubblica Roma)

"Vi facciamo fare la stessa fine di quelli del Janbo": spunta il video che incastra i picchiatori di Cortina di Enrico Ferro , Luca Monaco. Le immagini che la madre di uno dei giovani, avvocata del foro di Treviso, consegnerà alla Procura come allegato alla denuncia, documentano la carica dei romani al gruppo di giovanissimi trevigiani che la notte tra l'1 e il 2 gennaio passeggiava sul corso della cittadina delle Dolomiti (Repubblica Roma)

Cortina, rissa a Capodanno fra romani e trevigiani. I ragazzi feriti: «Aggrediti dopo un coro da scout»

Il racconto dei ragazzi trevigiani “Saranno stati in sei o sette e ci hanno affiancati mentre percorrevamo Corso Italia. Per quest'ultima ci sono quattro denunciati: si tratta di quattro ragazzi, tra i 20 e i 21 anni, romani che dovranno risponde di lesioni aggravate su due minorenni. (Sky Tg24 )

Al centro delle cronache, infatti, da qualche giorno ci sono due scontri - risse o aggressioni, è ancora tutto da chiarire - avvenuti tra diversi gruppi di ragazzi, alcuni romani, in vacanza. La denuncia viene sporta da tre ragazzi di Treviso di 17 e 18 anni, anche loro in vacanza (RomaToday)

Le telecamere di sorveglianza di corso Italia hanno certamente ripreso la scena: i filmati dimostreranno che stiamo dicendo la verità» «Ci hanno aggrediti solo per il gusto di fare a botte, prendendoci a cinghiate e a calci. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr