"Gresini è morto", ma la notizia era falsa - Sportmediaset

Gresini è morto, ma la notizia era falsa - Sportmediaset
Sport Mediaset INTERNO

Una notizia, in questo caso davvero fortunatamente, falsa: "Nonostante le notizie in circolazione, attualmente Fausto è ancora tra noi, seppur in condizioni critiche".

Fausto Gresini lotta ancora e, ci auguriamo, non smetterà di lottare fino a quando non avrà dato tutto per poter vincere il Covid.

Comprensibile la dura reazione della famiglia di Gresini, giustamente imbestialita per la notizia della morte divulgata dalla stampa: "Voglio ringraziare la stampa che ha avuto così tanto tatto nel comunicare e divulgare una notizia non verificata, siete proprio avvoltoi!

Una notizia terribile, rimbalzata tristemente sui mezzi di comunicazione - noi compresi, purtroppo -, e rilanciata su tutti i social. (Sport Mediaset)

Su altre fonti

L’ex pilota è ricoverato da tempo all’Ospedale Maggiore di Bologna per complicazioni legate al coronavirus (LaPresse) – “Nonostante le notizie in circolazione, attualmente Fausto è ancora tra noi, seppur in condizioni critiche”. (LaPresse)

LEGGI ANCHE> > > Calciomercato Inter, colpo dal Napoli per rinforzare la difesa. Nuova maglia Inter 2021/2022: le prime foto in anteprima Svelate le prime indiscrezioni sulla nuova maglia dell’Inter in vista della prossima stagione 2021/2022. (SerieANews)

Henry sarebbe addirittura deceduto un mese fa, ma la sua famiglia avrebbe deciso di comunicato tutto soltanto in queste ore. Lutto improvviso nel mondo del cinema. (Inews24)

Mondo dei motori in lutto, il Covid ha spento Fausto Gresini

Due mesi che non hanno lasciato scampo a Fausto Gresini, l'ex campione di moto imolese morto all'età di 60 anni. Imola (Bologna), 22 febbraio 2021 - Due mesi di ospedale. (Il Resto del Carlino)

Nonostante le notizie circolate, l'ex pilota ed attuale boss MotoGP continua la sua battaglia. Qualche settimana fa Fausto Gresini si era persino alzato dal letto e, sedutosi su una poltrona, ha chattato con amici e colleghi (Corse di Moto)

Il primo ricovero risale al 27 dicembre, dopo che le sue condizioni erano peggiorate non appena contratto il virus. Il due volte campione del mondo della 125, a capo dell’omonimo team, si è spento a Bologna per le complicazioni causate dal Coronavirus. (La Gazzetta dello Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr