«Israele non ha pagato i vaccini», Pfizer sospende la fornitura

«Israele non ha pagato i vaccini», Pfizer sospende la fornitura
Corriere del Ticino INTERNO

I vaccini AstraZeneca e Pfizer hanno mostrato livelli molto alti di protezione, e tutti i vaccini e i farmaci mostrano qualche effetto collaterale».

Israele non paga le dosi, Pfizer sospende la fornitura vaccini. Pfizer ha sospeso la consegna di 700.000 dosi di vaccino anti-COVID a Israele che sarebbe dovuta avvenire questa sera, accusando il governo israeliano di non avere pagato 2,5 milioni di dosi già fornite. (Corriere del Ticino)

La notizia riportata su altri media

Morti dopo il vaccino, le cause. Dopo entrambi i vaccini i casi di decessi per tromboembolia che spaventano tanto gli altri paesi d’Europa sono stati rarissimi: 2 casi dopo AstraZeneca, e uno dopo Pfizer (Imola Oggi)

Si tratta in assoluto del lotto di vaccini più consistente consegnato dall’inizio della campagna. In una settimana è cresciuto del 20% il numero di persone over 80 cui è stata somministrata una dose di vaccino. (LaPresse)

Il primario ha, inoltre, ribadito l’importanza di rispettare le regole anche dopo la vaccinazione: “Anche dopo il vaccino bisogna continuare a utilizzare i dispositivi di protezione e rispettare le distanze sociali“. (Formatonews)

Covid. Sette infermieri contagiati dal Covid dopo vaccinazione con doppia dose Pfizer.

Israele conta di cominciare a somministrare il vaccino Pfizer anti covid anche sotto i 16 anni nelle prossime settimane. Penso che l'otterremo nelle prossime settimane e inizieremo a vaccinare anche i minori", ha detto lo 'zar anticoronavirus' Nachman Ash alla radio dell'esercito. (Adnkronos)

Rimandati a casa senza il richiamo del vaccino Pfizer perché le dosi sono terminate. Gli anziani veronesi che oggi speravano di ricevere la seconda dose e ritenersi finalmente immunizzati dovranno attendere qualche altro giorno perché le fiale della casa farmaceutica americana destinate alla Ulss 9 Scaligera sono terminate (Il Fatto Quotidiano)

I sette infermieri contagiati si erano già vaccinati a gennaio con doppia dose di Pfizer. Sette infermieri che lavorano presso l’ospedale di Abbiategrasso in provincia di Milano sono risultati positivi alla variante inglese del Covid. (il Fatto Nisseno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr