Che tempo che fa, Ghali da Fazio? "Stop, stop", esplode la polemica: dietro le quinte...

Articolo Precedente

next
Articolo Successivo

next

È ancora polemica su Che Tempo Che Fa. O meglio, sull'ospitata di Ghali da Fabio Fazio dopo la polemica a Sanremo. Polemica innescata dal cantante che ha detto chiaro e tondo: "Stop al genocidio" a Gaza. E così, presente nello studio del Nove domenica 18 febbraio, l'artista non si è smentito. Eppure un dettaglio non è passato inosservato. Insieme a lui c'era l'alieno Rich Ciolino che ha commentato l'episodio suggerendo a Fazio le cose da dire parlandogli all'orecchio. (Liberoquotidiano.it)

Su altri media

"Caro Ghali che di mestiere fai il cantante, hai ragione a volere la pace, hai ragione a inorridire innanzi a tanta morte di palestinesi, però tieni bene a mente di tutta quella morte provocata il 7 ottobre da animali di combattimento di Hamas che non hanno avuto pietà": Giampiero Mughini si è rivolto così al cantante in una lettera pubblicata da Dagospia. (Liberoquotidiano.it)

Queste nuove presenze, il pesce siluro e la cozza asiatica, sono emerse come risultato del cambiamento climatico e degli scambi commerciali internazionali.Si tratta di una situazione preoccupante che richiede un’azione immediata per proteggere l’ecosistema della regione. (NewsWeb24.it)

La firma del Fatto quotidiano attacca il conduttore per come ha gestito l’intervista, accusandolo di non aver mai pronunciato le parole «genocidio», «Israele» e «Gaza», durante l’intera conversazione, come era invece accaduto tanto a Sanremo quanto a Domenica in. (Open)

«Stop a tutte le guerre, stop ai respingimenti, stop alle ingiustizie”. E stop pure alla parola “genocidio”. Ci si aspettava, dopo una settimana di polemiche incandescenti, che Ghali seduto al tavolo di “Che tempo che fa” spiegasse perché avesse esclamato “Stop al genocidio” sul palco di Sanremo. (Milleunadonna.it)

Associazione guidata da Mohammed Hannoun, sospettato dalle autorità italiane di inviare fondi a Hamas. Così, in una nota, lo staff di Ghali spiega cosa fosse il premio ricevuto dall’Api, l’Associazione palestinesi in Italia, che ha animato nuove polemiche intorno all’artista, ospite ieri sera a Che tempo che fa, dopo la pubblicazione di un video con i suoi ringraziamenti. (la Repubblica)

Il paradosso è apparente, in un talk show come quello non si fanno agguati. C’era un’allegra crudeltà nel tono col quale Fabio Fazio domenica scorsa ha gestito l’ospitata di Ghali costringendo il cantante italotunisino ad assistere al proprio autodafé. (Il Manifesto)