PROCESSO ENI/ E pm screditati, i tre "silenzi" che affondano la giustizia

PROCESSO ENI/ E pm screditati, i tre silenzi che affondano la giustizia
Il Sussidiario.net INTERNO

Sono i pubblici ministeri che hanno sostenuto l’accusa nel processo contro i vertici Eni, sospettati di avere distribuito tangenti in Nigeria per sfruttare i giacimenti di petrolio africano.

Chissà se, dopo le indagini di Brescia, verranno aggiunti anche gli scandali e le ipotesi di reato tra gli elementi che screditano la giustizia italiana

Non risulta che nessuno dei tre abbia azzardato un commento sulle vicende che demoliscono la credibilità delle toghe. (Il Sussidiario.net)

Su altri giornali

ANSA Eni: Nigeria; Procura Brescia perquisisce computer pm Milano. - MILANO, 10 GIU - La Procura di Brescia, nell'ambito dell'indagine in cui sono indagati il procuratore aggiunto di Milano Fabio De Pasquale e il pm Sergio Spadaro, lunedì scorso ha disposto una perquisizione informatica per sequestrare le mail che i due magistrati si sono scambiati. (Notizie - MSN Italia)

– Il procuratore aggiunto di Milano Fabio De Pasquale e il pm Sergio Spadaro sono indagati dalla Procura di Brescia con l’ipotesi di rifiuto d’atti d’ufficio in relazione al processo Eni / Shell-Nigeria di cui ieri il Tribunale ha depositato le motivazioni dell’assoluzione di tutti gli imputati. (Imola Oggi)

Indagati a Brescia i pm del processo Eni Nigeria per rifiuto di atti d’ufficio. La notizia è che il procuratore aggiunto di Milano Fabio De Pasquale e il pm Sergio Spadaro sono indagati dalla Procura di Brescia con l’ipotesi di rifiuto d’atti d’ufficio in relazione al processo Eni/Shell-Nigeria. (Zone D'Ombra)

Eni-Nigeria, pm indagati a Brescia per omissione atti ufficio -fonti Da Reuters

– MILANO, 10 GIU – La Procura di Brescia, nell’ambito dell’indagine in cui sono indagati il procuratore aggiunto di Milano Fabio De Pasquale e il pm Sergio Spadaro, lunedì scorso ha disposto una perquisizione informatica per sequestrare le mail che i due magistrati si sono scambiati. (la voce d'italia)

Tale decisione processuale, se portata a compimento, afferma ancora il Tribunale «avrebbe avuto quale effetto la sottrazione alla conoscenza delle difese e del Tribunale di un dato processuale di estrema rilevanza». (Il Sussidiario.net)

La procura di Brescia è l'ufficio delegato a indagare sui magistrati del distretto di Corte d'Appello di Milano. I due magistrati non hanno commentato. (Investing.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr