Nest Hub di seconda generazione aiuta a dormire meglio

Nest Hub di seconda generazione aiuta a dormire meglio
macitynet.it SCIENZA E TECNOLOGIA

All’apparenza Nest Hub (2a generazione) sembra identico all’attuale generazione, salvo che per la mancanza di cornici attorno al display interno, che lo rendono più pulito nell’estetica.

Nuove funzionalità per riposare meglio. Se Nest Hub, nella mente di Google, è servito principalmente per aiutare l’utente nel corso della giornata, con questo nuovo Nest punta a migliorare il riposo durante la notte, aiutando l’utente a comprendere meglio come dorme. (macitynet.it)

Su altre fonti

E se volete restare a letto ancora un po’, grazie a Motion Sense potete posticipare la sveglia con il gesto di una mano. Quando è ora di alzarsi, la Sveglia luce graduale di Nest Hub fa aumentare gradatamente l’illuminazione del display e il volume della suoneria. (Telefonino.net)

Ogni mattina, al risveglio, Google Nest Hub elaborerà un riepilogo personalizzato relativo all'andamento del sonno, che potrà essere visualizzato con il comando vocale "Ehi Google, come ho dormito?". Dopo innumerevoli rumor e anticipazioni , l'annuncio è ora ufficiale: la seconda generazione di Google Nest Hub , il dispositivo intelligente di Google , sbarcherà sul mercato italiano il prossimo 4 maggio . (HDblog)

Nest Hub di seconda generazione è quindi dotato di tecnologia Motion Sense, possibile per l’inclusione del sensore di Project Soli, lo stesso che era presente sui Pixel 4. Nest Hub non è dotato di fotocamere frontale, non può rilevare volti o figure e sarà sempre possibile (anche direttamente da Nest Hub) cancellare i dati della ultima notte di sonno o di tutte quelle passate. (Smartworld)

E ora il nuovo Nest Hub misura anche il sonno (e quanto russi)

Il nuovo Nest Hub è disponibile in Italia in due colori: grigio chiaro, grigio antracite, ed è realizzato con materiale riciclato. Nessuno impedisce di metterlo sulla scrivania, ma si perdono tutte le funzioni legate al monitoraggio del sonno che sono la vera novità offerta dal prodotto. (DDay.it - Digital Day)

Una volta che i dati verranno raccolti ed elaborati da Nest Hub 2, questi ultimi saranno disponibili sia sullo schermo del dispositivo sia come risposta alla nuova hotword “Ok Google, come ho dormito?“ Insieme ai miglioramenti relativi all’audio, Google Nest Hub 2 introduce una novità assoluta nel mondo della domotica. (Computer Magazine)

La novità è l’introduzione di un nuovo sensore Soli per monitorare il sonno senza ricorrere a una videocamera o a un dispositivo indossabile. Grazie alla tecnologia radio Thread integrata, Nest Hub funzionerà con il nuovo standard di connettività sviluppato dal gruppo di lavoro Project Connected Home over IP (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr