Non basta lottare alla pari per quattro set, la Champions League va al Kedzierzyn-Kozle

Non basta lottare alla pari per quattro set, la Champions League va al Kedzierzyn-Kozle
trentinovolley.it SPORT

Trentino Itas-Groupa Azoty Kedzierzyn-Kozle 1-3. (22-25, 22-25, 25-20, 26-28). TRENTINO ITAS: Podrascanin 9, Nimir 21, Kooy 6, Lisinac 11, Giannelli 2, Lucarelli 13, Rossini (L); Michieletto 5, Argenta, Sperotto, Sosa Sierra, De Angelis.

Trentino Itas: 9 muri, 4 ace, 22 errori in battuta, 4 errori azione, 52% in attacco, 51% (34%) in ricezione

Trentino Itas: 9 muri, 4 ace, 25 errori in battuta, 6 errori azione, 55% in attacco, 57% (44%) in ricezione. (trentinovolley.it)

Su altre testate

Dopo la strepitosa vittoria di Conegliano (3-2 su Istanbul) con Egonu e compagne sul tetto d’Europa, la stessa impresa non riesce ai ragazzi di Lorenzetti sconfitti per 3-1 dai polacchi dello Zaksa capaci di eliminare i campioni di Civitanova nei quarti e il Kazan in semifinale. (Sky Sport)

GROUPA AZOTY: Sliwka 18, Kochanowski 7, Kaczmarek 15, Semeniuk 15, Smith 9, Toniutti, Zatorski (L); Kluth. Trentino Itas: 9 muri, 4 ace, 22 errori in battuta, 4 errori azione, 52% in attacco, 51% (34%) in ricezione (Trentino)

Proprio quest’ultimo è il club più titolato da quando la competizione ha preso il nome di Champions League con 6 trionfi, mentre il record assoluto di successi considerando anche l’era della Champions Cup appartiene ai russi del CSKA Mosca (13 vittorie tra il 1959 e il 1991). (Sportface.it)

Volley, Champions League maschile, Super Final. La stagione delle occasioni perse per la bella incompiuta Trento

IN STREAMING VIDEO E TV: COME SEGUIRE LA FINALE DI CHAMPIONS LEAGUE. Per la diretta tra Zaksa Trento, finalissima della Champions league 2020-21 di volley maschile, è stata prevista per gli appassionati italiani un’ampia copertura mediatica. (Il Sussidiario.net)

Volley Champions League femminile 2021, l’albo d’oro: tutti i vincitori e i record. Il record di successi relativo ad una squadra appartiene alla Dinamo Mosca, che si è portata a casa ben 11 trofei continentali con tanto di record di vittorie consecutive (5 tra il 68 e il 72). (Sportface.it)

Lo Zaksa ha avuto qualcosa in più in difesa, in battuta, in attacco e soprattutto in ricezione: quel quid impercettibile che, in una partita che si gioca sul filo dell’equilibrio, fa la differenza. La differenza tra una stagione trionfale e una stagione senza squilli la fanno i momenti decisivi. (OA Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr