PETA contro Far Cry 6: è polemica per un minigioco

Tom's Hardware Italia SCIENZA E TECNOLOGIA

PETA Latino chiede a Ubisoft di rimpiazzare istantaneamente questo disgustoso minigioco con uno meno cruento”

Proprio uno di quest’ultimi è stato notato dalla PETA, con l’organizzazione che si è detta molto contrariata di questa novità.

Far Cry 6 è uscito da qualche giorno e gli appassionati della saga open world di Ubisoft si stanno divertendo ad esplorare la bellissima nuova regione di Yara.

C’è chi, però, come la PETA, non è molto lieta dell’uscita del gioco, o meglio, di una sua componente. (Tom's Hardware Italia)

Ne parlano anche altre testate

Ed eccoci tornati ad una nuova guida per Far Cry 6, l’ultimo capitolo della longeva serie sparatutto marchiata Ubisoft. 1968 Garin Vorona C. Questo è probabilmente l’elicottero più forte e più “cattivo” di Far Cry 6 (vigamusmagazine)

Gli omaggi ad altri titoli della stessa casa o di altri autori sono una consuetudine e il nuovo Far Cry 6 non è estraneo da questa usanza. Parliamo ovviamente del salto della fede, omaggiato anche da The Witcher II, con un Altair finito ucciso su un pagliaio. (Eurogamer.it)

In passato l’organizzazione aveva criticato la possibilità di scuoiare gli animali nel terzo capitolo della serie di videogiochi. Far Cry 6 e i combattimenti tra galli: chiesta la rimozione. (DR COMMODORE)

Il combattimento tra galli è illegale in USA, Canada e diversi stati del Sud America tra cui Brasile e Argentina, mentre è legale in Perù, Messico e soprattutto a Cuba, stato a cui è chiaramente ispirata l'isola fittizia di Yara in cui si svolgono gli eventi di Far Cry 6. (IGN ITALY)

Non si tratta, comunque, dell’unica polemica che ha travolto Far Cry 6 nelle ultime ore: anche gli animalisti si sono scagliati contro l’avventura di Ubisoft per via di una feature legata ai galli. (Spaziogames.it)

Chi lotta può perdere, chi non lotta ha già perso. Con questa frase vogliamo concludere la nostra recensione di Far Cry 6 L’isola di Yara – Recensione Far Cry 6. (tuttoteK)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr