Milano. Il dott. Grossi è il curatore italiano di “Bonica’s”, il libro di riferimento per la Terapia del Dolore

Milano. Il dott. Grossi è il curatore italiano di “Bonica’s”, il libro di riferimento per la Terapia del Dolore
MI-LORENTEGGIO.COM. CULTURA E SPETTACOLO

“Sono i Sistemi di Trattamento del dolore la parte innovativa di questo volume – spiega il dott.

L’ASST Gaetano Pini-CTO – evoluzione della Scuola Ortopedica milanese nata nel 1874 – è specializzata in patologie e traumi dell’apparato muscolo-scheletrico, reumatologia e fisiatria.

“Bonica’s” nel titolo fa riferimento all’imponente lavoro realizzato dal padre della Terapia del Dolore, Dott.

L’ASST Gaetano Pini-CTO è centro erogatore per la presa in carico dei pazienti cronici nell’ambito delle patologie reumatologiche e della Malattia di Parkinson

Grossi –, gli autori si soffermano sulle metodiche di formazione degli specialisti nel trattamento del dolore. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Ne parlano anche altre testate

Dopo due edizioni in streaming a causa del Covid Torino, torna in presenza il Salone del Libro Da Giovedì 14 fino a Lunedì 18 Ottobre la XXXIII edizione del Salone:. la prima post pandemia. Ma il programma spazia dal barocco alle esplorazioni spaziali. (Rai News)

Officina Marmocchi al Salone Internazionale del Libro di Torino. «Consideriamo i giochi prodotti da Officina Marmocchi - dice - un'eccellenza della scuola italiana e ci fa piacere poter promuovere i giochi da tavolo che hanno una valenza oltre che ludica, fortemente educativa. (Valdelsa.net)

Studio di Scultura Giorgio Angeli” per le Edizioni Poliedro, che descrive la sapienza degli scalpellini della Versilia. Quando Grazia parla di sé”, in cui la scrittrice nuorese parla attraverso la voce di Cristina Lavinio, con l’introduzione di Annamaria Baldussi. (La Nuova Sardegna)

Viaggio tra i padiglioni del Salone del Libro, Lagioia: “Questa fiera internazionale segna il ritorno alla normalità, avremo capienza al 100%”

"La Regione - rileva l'assessore alla Cultura Tiziana Gibelli - ha aderito fin da subito con convinzione alla partecipazione al Salone del Libro di Torino. Il Salone del Libro rappresenta, infatti, una vetrina importante non soltanto per il settore dell'editoria che in Friuli Venezia Giulia è particolarmente vivo e attivo, ma anche per quello culturale e turistico del territorio (Il Friuli)

Dall’altro, l’area della regione sarà il punto di riferimento della poesia all’interno del programma complessivo della fiera per gli eventi organizzati in collaborazione tra il Salone del libro e Pordenonelegge. (Friuli Oggi)

«Sarà un Salone il più possibile simile alle passate edizioni, anche grazie alla capienza che è aumentata al 100% nelle sale – dice Viale –. «Le nuove disposizioni governative fanno sì che il progressivo ritorno alla normalità coincida con il ritorno del Salone – dice il direttore Nicola Lagioia –. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr