Blitz anti Camorra in Friuli e Veneto. Arresti e perquisizioni per estorsioni agli ambulanti. Fermato il presidente di Ascom di Bibione Giuseppe Morsanuto – Friulisera

Blitz anti Camorra in Friuli e Veneto. Arresti e perquisizioni per estorsioni agli ambulanti. Fermato il presidente di Ascom di Bibione Giuseppe Morsanuto – Friulisera
Friuli Sera INTERNO

oltre al citato Morsanuto vi sono altri otto arrestati, tutti provengono dalla Campania, ma sono residenti in località del Nordest.

E' in corso dall'alba di oggi 15 settembre una vasta operazione con arresti in Friuli Venezia Giulia e in Veneto per estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Per realizzare il "progetto" il gruppo di commercianti alcuni dei quai in odore di camorra non avrebbe esitato a minacciare gli altri ambulanti

La notizia che colpirà di più è la presenza fra gli arrestati di Giuseppe Morsanuto, di San Michele al Tagliamento attuale presidente dell’Ascom di Bibione (Friuli Sera)

Su altri giornali

Otto degli arrestati provengono dalla Campania, ma sono residenti a Nordest, mentre l’unico originario del luogo è Giuseppe Morsanuto, che risiede a San Michele al Tagliamento ed è l’attuale presidente dell’Ascom di Bibione (la Nuova di Venezia)

Trovati anche migliaia di euro in contanti ed armi durante le indagini. Minacce e estorsioni: così i ‘magliari’ napoletani volevano esportare la camorra in Veneto e Friuli Minacce e estorsioni: gli ambulanti stavano costruendo un “cartello” per controllare un mercato redditizio tra Friuli e Veneto. (Fanpage.it)

Uno in particolare, quello di Giuseppe Morsanuto, presidente dell'Ascom locale ed ex vice sindaco di San Michele al Tagliamento (VE), ha lasciato in suoi concittadini interdetti. Lo scopo era quello di riuscire ad ottenere un diretto controllo delle attività economiche e condizionare così il libero mercato (TGR – Rai)

Camorra a Bibione, il retroscena: dagli specialisti finanziari ai cani che fiutano contanti e armi, la banda aveva un tesoretto

Blitz anti camorra a Bibione: perquisizioni in case, negozi e ristoranti, ecco dove. (la Nuova di Venezia)

«Che ci vuole a bruciarglielo (il ristorante, ndr)», dice Pietro D'Antonio in un'intercettazione con Raffaele Biancolino, napoletano residente a San Michele al Tagliamento. Scrive il gip di Trieste: «Problemi erano sorti con il vicepresidente dell'associazione medesima, Stefania Dolci» proprio per la sua volontà di non far partecipare chi era moroso. (ilgazzettino.it)

Ma un altro gruppo di specialisti con unità cinofile è stato scortato in abitazioni e imprese a disposizione del gruppo criminale: sono i cani specializzati nella ricerca di soldi contanti Camorra a Bibione, arrestato il presidente Ascom Morsanuto: ecco la perquisizione. (la Nuova di Venezia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr