Auto elettrica, voce grossa in Borsa per spodestare i colossi

FormulaPassion.it ECONOMIA

Solo dieci anni fa il mercato sembrava cristallizzato, con i soliti nomi noti in testa come Toyota, Ford, Volkswagen, Daimler, PSA, FCA, Renault e via dicendo.

Nella top 10 per valore di borsa, oggi, ci sono Tesla (prima Casa, con larghissimo vantaggio), Rivian, Byd, Lucid.

Per Rivian e Lucid le ultime settimane sono state incredibili, con aumenti vertiginosi del valore, cadute e poi la stabilizzazione

I marchi produttori di auto elettriche stanno cercando di costruire le basi per mettere in discussione la leadership dei grandi colossi multinazionali del settore. (FormulaPassion.it)

Su altri giornali

Tuttavia – ha proseguito Rawlinson -, stanno adottando misure per mitigarne l’impatto e attendono con impazienza il lancio delle versioni Grand Touring, Touring e Pure di Lucid Air entro il 2022. Lucid Motors è “fiduciosa” di poter costruire 20.000 veicoli nel corso del 2022. (MotoriSuMotori)

L’azienda produttrice di auto elettriche, infatti, ne ha realizzate soltanto 200, mentre quelle nel medesimo arco di tempo sono state addirittura 9 mila. FINANZA & AUTO/ Così il "metodo Musk" ha contagiato VW e gli altri costruttori. (Il Sussidiario.net)

Rivian è diventata pubblica mercoledì, con una valutazione di 77 miliardi di dollari al momento della quotazione. Rivian ha fatto un forte ingresso nel mercato delle auto elettriche, attraverso enormi accordi con Ford e Amazon, tra gli altri (Motori Magazine)

Il titolo Tesla si è portato nuovamente sopra i 1000 dollari ad azione e capitalizza oltre i mille miliardi di dollari. Lucid ha chiuso il 2020 con 4 milioni di dollari di fatturato e 720 milioni di perdita. (Massa Critica)

Roma, 24 nov. Così il ministro per l’innovazione tecnologica Vittorio Colao in audizione in audizione davanti alla commissione di vigilanza sull’anagrafe tributaria. (LaPresse)

Questo tipo di volatilità dei titoli dei veicoli elettrici non è un trend nuovo. La richiesta di veicoli elettrici probabilmente resterà forte, grazie agli incentivi governativi per promuovere le tecnologie pulite. (Investing.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr