Arrestati altre due candidati alle Presidenziali

Arrestati altre due candidati alle Presidenziali
Ticinonline ESTERI

I due, così come Cristiana Chamorro (cugina del candidato arrestato ieri) e Arturo Cruz che sono stati arrestati la scorsa settimana, avrebbero dovuto sfidare l'attuale leader del Nicaragua Daniel Ortega.

ono diventati quattro i candidati alle prossime elezioni presidenziali a essere arrestati in questi giorni in Nicaragua.

Maradiaga, dopo essere stato interrogato in procura, ha detto ai giornalisti che continuerà a essere candidato alla presidenza e a sfidare Ortega, che all'età di 75 anni è alla ricerca del suo quarto mandato

Nelle scorse ore Felix Maradiaga e Juan Sebastián Chamorro sono stati accusati di terrorismo, d'interferenza negli affari interni e di cospirazione contro la sovranità e l'indipendenza del Paese dell'America centrale. (Ticinonline)

Su altri giornali

Daniel Ortega fa piazza pulita dell'opposizione. La principale minaccia per il 75enne leader sandinista, in cerca del quarto mandato, è Cristiana Chamorro, non a caso la prima ad essere arrestata in questa ondata di repressione dell'opposizione in Nicaragua (Euronews Italiano)

Sale a quattro il numero di candidati presidenti del Nicaragua: ieri è stato il turno di Juan Sebastián Chamorro ma prima di lui era già toccato ad altri tre in vista delle elezioni del 7 novembre. Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati (ilmattino.it)

Da parte sua il servizio stampa di Chamorro ha riferito che. sua moglie, Victoria Cárdenas, è stata posta agli arresti. domiciliari. Fonte Ansa.it (Corriere Quotidiano)

Nicaragua, il presidente ex guerrigliero Ortega pensa alla rielezione e fa arrestare gli avversari

Dal 3 giugno la procura e la polizia del governo del presidente Daniel Ortega hanno avviato un'offensiva contro l'opposizione nicaraguense, arrestato vari suoi leader e candidati presidenziali, fra cui Cristiana Chamorro, Arturo Cruz, Felix Maradiaga e, l'ultimo Juan Sebastián Chamorro (tvsvizzera.it)

L'articolo 1 citato per l'arresto del leader oppositore contempla atti lesivi riguardanti "l'incitazione all'ingerenza straniera negli affari interni, la richiesta di interventi militari, l'organizzazione con finanziamenti stranieri atti di atti di terrorismo e destabilizzazione, l'incoraggiamento di blocchi economici e sanzioni contro lo Stato". (Notizie - MSN Italia)

Una settimana fa era accaduto con Cristiana Chamorro e Arturo Cruz, due candidati dell’opposizione. Sono stati accusati di riciclaggio di denaro. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr