Gli over 50 non vaccinati e l'iter per non pagare subito la sanzione di 100 euro

Ticinonline ESTERI

Il perché, riferisce Open, lo ha spiegato lo stesso ministro della Salute Roberto Speranza.

Sarà quest'ultima, sempre in 10 giorni, a dire all'Agenzia se le ragioni del non vaccinato sono valide o no

Fino a 260 giorni - Il punto chiave delle dichiarazioni di Speranza è però il seguente: «Il decreto legge prevede una fase di contraddittorio».

Sempre nello stesso lasso di tempo dovrà comunicare all'Agenzia delle Entrate (AdE) di aver preso contatto con l'Asl. (Ticinonline)

Se ne è parlato anche su altri media

Una volta fatto saranno Asl e Agenzia delle Entrate a dire se accetteranno le ragioni entro altri 10 giorni. Ma il pagamento della sanzione potrà essere inviato fino a 260 giorni. (Il Notiziario)

Il ministro della salute Roberto Speranza alcuni giorni fa aveva risposto a un question time in parlamento su come funziona la procedura. Scatteranno dal primo febbraio le multe per gli over 50 che non si saranno sottoposti alla vaccinazione, ma come riporta oggi Il Sole 24 Ore, tra ricorsi, opposizioni e chiarimenti, l’Agenzia delle Entrate potrebbe impiegare 260 giorni per riscuoterle. (SanremoNews.it)

Il Governo, lo ribadisco, continuerà a puntare su questo strumento del green pass; è evidente che c’è stata un’estensione, molto significativa, del suo utilizzo in questi mesi, non solo del green pass tradizionale, ossia quello a cui si poteva accedere anche con il tampone, ma anche del cosiddetto green pass rafforzato che, invece, è utilizzabile solo di fronte a una guarigione o a una vaccinazione. (Panorama della Sanità)

- Advertisement -. Il ministero della Salute, avvalendosi dell’Agenzia delle Entrate, invierà una comunicazione ai soggetti inadempienti, i quali potranno trasmettere alla Asl di loro competenza l’eventuale certificazione relativa al differimento o all’esenzione dell’obbligo vaccinale E’ quanto ha dichiarato il ministro della Salute, Roberto Speranza, rispondendo al Question Time alla Camera sulle modalità di accertamento delle violazioni dell’obbligo vaccinale recentemente introdotto. (Agenpress)

L’Azienda dovrà dire all’Agenzia se le ragioni del non vaccinato sono state accettate o meno entro 10 giorni. Ed ecco qui i 260: dieci più dieci più 180 più 60 (Calabria News)

Se il parere dell’Asl è negativo, Agenzia notificherà via pec o raccomandata andata/ritorno l’avviso di addebito da versare entro 180 giorni e la multa andrà pagata entro 60 giorni. I tempi si allungheranno ulteriormente se il no-Vax deciderà di appellarsi a un giudice entro 30 giorni, chiedendo la sospensione dell’avviso di addebito (Inews24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr