Australia, terzo evento di sbiancamento per i coralli del Great Barrier Reef

Australia, terzo evento di sbiancamento per i coralli del Great Barrier Reef
la Repubblica la Repubblica (Scienza e tecnologia)

A causa dello stress termico i coralli espellono le alghe (zooxanthellae) che vivono nei loro tessuti, causandone lo sbiancamento.

La Grande Barriera Corallina australiana è stata colpita da un nuovo fenomeno di sbiancamento massiccio dei coralli, il terzo in cinque anni dopo quello del 2016 e del 2017, a causa delle temperature elevate dell'oceano che si stanno registrando.

Se ne è parlato anche su altri giornali

Il riscaldamento delle acque oceaniche nuoce alle zooxantelle, microalghe che vivono in simbiosi con i coralli, dando loro nutrimento e colore. Il processo replica quanto accaduto già nel 2016 e nel 2017, e che aveva fatto gridare gli scienziati di tutto il mondo al pericolo estinzione. (Corriere della Sera)

Il fenomeno dello sbiancamento. Il fenomeno dello sbiancamento si verifica quando, per effetto delle acque più calde, i coralli espellono le alghe che vivono nei loro tessuti e donano loro il caratteristico colore (zooxanthellae). (Sky Tg24 )

La Grande Barriera Corallina è uno dei parchi più conosciuti al mondo e contribuisce in maniera significativa all’economia australiana. A causa dello stress termico i coralli espellono le alghe (zooxanthellae) che vivono nei loro tessuti, causandone lo sbiancamento. (Adnkronos)

"Le ultime indagini aeree hanno dimostrato che lo sbiancamento era rilevabile in molte zone con diversi livelli di intensità, ma comunque in misura maggiore rispetto agli eventi precedenti", prosegue il ricercatore. (AGI - Agenzia Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.