Addio alla pasta 100% italiana? Dal 2022 può cambiare tutto

QuiFinanza ECONOMIA

Ma dal 1° gennaio 2022 le cose potrebbero cambiare, e potremmo dover comprare tipi di pasta non completamente italiana.

Nell’atlante della pasta l’Italia resta il punto di riferimento per produzione (3,9 milioni di tonnellate), export (2,4 milioni di tonnellate) consumi e export

Fino ad oggi bastava scegliere le confezioni che riportano le indicazioni “Paese di coltivazione del grano: Italia” e “Paese di molitura: Italia”. (QuiFinanza)

La notizia riportata su altri giornali

Cagliari. Timori per la nuova regolamentazione che arriva proprio quando riprende nell’isola la coltivazione del grano. Lo ricorda Coldiretti Sardegna nella giornata mondiale della pasta. (LinkOristano)

In sedici anni (2004 – 2020) è stata persa oltre l’80% (81,3) della superficie, addirittura 78.644 ettari, passando da 96.710 ettari a 18.066 Scade il prossimo 31 dicembre l’obbligo di riportare in etichetta l’origine del grano della pasta. (Cagliaripad)

Il Freeken, è un grano verde di tipo duro che appartiene alla specie Triticum Turgidum, noto anche con il nome Farik. Freekeh grano verde proprietà e benefici. Il freekeh, è un grano prodotto nel Medio Oriente e risale a centinaia di anni fa. (Informazione Oggi)

Nell’eventualità in cui il grano provenga o sia stato molito in diversi paesi, a seconda dei casi possono essere utilizzate le diciture “Paesi Ue“, “Paesi Non Ue“, “Paesi Ue e Non Ue“. La pasta italiana è a rischio. (inItalia)

L’obbligo dell’etichettatura di origine del grano impiegato, fortemente voluta dalla Coldiretti, è scattato il 14 febbraio del 2018. Inoltre, se il grano duro è coltivato almeno per il 50% in un solo Paese, come ad esempio l’Italia, si può usare la dicitura: “Italia e altri Paesi Ue e/o non Ue”. (Terlizzilive.it)

L’obbligo di scrivere nelle etichette della pasta l’origine del grano è scattato il 14 febbraio del 2018. Scade il prossimo 31 dicembre l’obbligo di riportare in etichetta l’origine del grano della pasta. (Casteddu Online)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr