Uccisi in Congo, Draghi accoglierà le salme dell'ambasciatore e del carabiniere

Uccisi in Congo, Draghi accoglierà le salme dell'ambasciatore e del carabiniere
Per saperne di più:
IL GIORNO INTERNO

Roma, 23 febbraio 2021 - Sarà il presidente del Consiglio Mario Draghi ad accogliere le salme stasera all'aeroporto di Ciampino.

Si celebreranno intanto giovedì mattina alle 9.45 a Roma, nella Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri, i funerali dell'ambasciatore Luca Attanasio.

Le salme arriveranno questa sera alle 23 a Roma, spiega Antonio Romeo, sindaco di Limbiate, il paese in provincia di Monza e Brianza, dove è cresciuto Attanasio. (IL GIORNO)

La notizia riportata su altri media

Ad attenderli, il presidente del Consiglio Mario Draghi, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il ministro della Difesa Lorenzo Guerini (Corriere TV)

Assente per un'indisposizione il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Onore all’Ambasciatore Luca Attanasio e a Vittorio Iacovacci, militare dell’Arma dei Carabinieri. (Liberoquotidiano.it)

Sono arrivate in Italia le salme di Luca Attanasio e Vittorio Iacovacci, l’ambasciatore italiano e il carabiniere originario di Sonnino barbaramente uccisi ieri in un attentato ad un convoglio del WFP dell'Onu nella Repubblica Democratica del Congo (LatinaToday)

23.39 / Rientrate in Italia le salme di Luca Attanasio e Vittorio Iacovacci

A scriverlo su Facebook è il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, che insieme al premier Mario Draghi hanno accolto all’aeroporto di Ciampino le salme dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, rimasti uccisi nell’attentato nella Repubblica Democratica del Congo (L'HuffPost)

Ad attenderli, il presidente del Consiglio Mario Draghi, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il ministro della Difesa Lorenzo Guerini. Un gruppo interforze composto non solo da carabinieri ha allestito un picchetto d’onore per il diplomatico e il militare uccisi. (Corriere della Sera)

Zakia Seddiki, la vedova dell'ambasciatore Attanasio, e le loro tre figlie dovrebbero rientrare in Italia nella giornata di mercoledì. “Insieme al Reggimento, Gorizia chiede oggi verità e giustizia per questi giovani ambasciatori di pace le cui vite sono state stroncate troppo presto”. (Il Friuli)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr