"Il bianco attacca il nero": canale video di scacchi bloccato per razzismo

Il bianco attacca il nero: canale video di scacchi bloccato per razzismo
L'HuffPost SPORT

Il risultato non ha lasciato dubbi: l′82% non conteneva alcun riferimento razzista, ma soltanto termini gergali riferiti al gioco.

“Non sappiamo quale strumento venga usato da YouTube ma queste cose possono accadere se si usa l’intelligenza artificiale”, ha sottolineato KhudaBukhsh.

Hanno proseguito scegliendone 1.000 che erano stati segnalati come inappropriati da almeno uno dei programmi e li hanno controllati personalmente. (L'HuffPost)

Ne parlano anche altri media

Scacchista bloccato da YouTube per aver usato “neri contro bianchi” – riassunto delle puntate precedenti. La storia comincia a Luglio 2020 sul canale Agadmator’s Chess Channel, un milione di abbonati a Febbraio 2021, che ospita “podcast”, commenti in streaming di partite di scacchi. (Bufale.net)

I termini legati ai pezzi e alla tavola quadrata sono stati scambiati dall'intelligenza artificiale per espressioni non consentite dal regolamento. YouTube ha bloccato un canale dedicato al mondo degli scacchi per presunti contenuti razzisti. (Sky Tg24 )

Lo stesso Radic aveva pubblicato un video dove spiegava ai follower quanto accaduto, domandandosi quali criteri fossero stati applicati dalla piattaforma di proprietà di Google. I risultati ottenuti scandagliando personalmente ogni frase sono chiari: l’82 per cento non conteneva riferimenti razzisti, ma solo termini gergali come blocco, contrattacco e cattura. (Open)

Quando l'AI va a caccia di streghe. Chiuso canale YouTube di scacchi per razzismo

Una dimostrazione arriva da un caso di censura involontaria che si è verificato ormai l'anno scorso su YouTube, quando gli algoritmi del social hanno rimosso il video di una partita a scacchi senza apparenti motivi. (Tech Fanpage)

Le frasi che hanno portato la chiusura del canale riguardano prettamente il mondo degli scacchi e citandone alcune possiamo vedere : Il bianco mangia il nero o il nero minaccia il bianco. Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore. (DR COMMODORE)

L’intelligenza artificiale verrebbe dunque triggerata – scatenata – da semplici parole come bianco, nero e attacco messe nella stessa frase Questa volta non è l’occhio umano a giocare brutti scherzi, ma un algoritmo di intelligenza artificiale (realizzato sempre da umani) che ha avuto da ridire su uno dei più seguiti canali di scacchi su YouTube (StartupItalia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr