Lo scudetto secondo Bonolis: "Conte lo psichiatra giusto per la pazza Inter"

Lo scudetto secondo Bonolis: Conte lo psichiatra giusto per la pazza Inter
la Repubblica INTERNO

“È un Uroboros, il cerchio che si chiude, iniziato dieci anni fa: una lunga ricostruzione e ora abbiamo ritrovato la via”.

Paolo Bonolis, lei è persona di inventiva visionaria.

“Non è stata una storia univoca, non è che te la puoi prendere con uno e indicarlo col dito e dirgli: tu, per dieci anni… C’è stato il passaggio da Moratti alle proprietà estere, poi Thohir, poi Zhang

Mi dica una cosa su questo Scudetto con inventiva visionaria. (la Repubblica)

Su altri media

Ora la testa di Lady Tata è tutta sulla musica e Bonolis, sapendolo, ci prova: "Tu e Laurenti al Festival di Sanremo! Zorzi in studio, Bonolis la prende malissimo: scintille e imbarazzo. E quando la Tatangelo lascia lo studio, Bonolis trova il tempo e il modo di fare il simpatico, impagabile piacione: "Ma non è che per caso mi volevi dire qualcosa? (LiberoQuotidiano.it)

Parla Bonolis: “Vive isolato, non sa del Coronavirus”. “È stato Bonolis a presentarmi Raffaella Ferrari, la donna della mia vita… Con Raffaella me ‘so risolto (Solonotizie24)

Arriva anche Sara Croce ad aiutarlo: decisamente diverso l’impatto scenico rispetto al caratteristico Iettatore di Avanti un Altro Infettatevi pure”. Paolo Bonolis non la prende affatto bene e risponde per le rime al “cassamortaro” in gara ad Avanti un Altro. (Il Sussidiario.net)

GdS – Confronto Conte-proprietà: premesse differenti rispetto a un anno fa

Ovviamente era il 2005 e il Festival di Sanremo era condotto da Paolo Bonolis (che lo condusse poi ancora nel 2009). Pure di sera: Paolo Bonolis fa una gag su Sanremo con una concorrente. La concorrente di turno ad Avanti un altro! (Lanostratv)

In carriera si possono segnare 500 gol, ma se alla fine non si vince un titolo è tutto inutile. C’è grandissimo feeling tra lui, la società, la squadra e i tifosi” (SOS Fanta)

Il Conte di oggi è assai lontano da quel che aveva preceduto il vertice di Villa Bellini. Ma in quelle parole c’era anche la volontà di non toccare l’asse portante di questa Inter" (fcinter1908)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr