Resident Evil e Devil May Cry, un’artista accusa Capcom di aver rubato delle sue foto e apre una causa

GamingTalker SCIENZA E TECNOLOGIA

Come prova Juracek usa il data breach di Capcom del 2020, da cui sarebbero trapelate immagini ad alta risoluzione di artwork utilizzati in Resident Evil e altri giochi

Come riportato da Polygon, la designer Judy A. Juracek ha aperto una causa in cui accusa Capcom di aver rubato delle sue fotografie per utilizzarle nello sviluppo di giochi di Resident Evil e Devil May Cry.

Ad esempio, Juracek accusa Capcom di aver utilizzato una texture di vetro scattata in Italia per la creazione del logo di Resident Evil 4. (GamingTalker)

La notizia riportata su altri media

La trama di It Takes Two In It Takes Two vestirai i panni di Cody e May, una coppia che decide di divorziare. La figlia, una volta venuta a conoscenza della decisione,… (Gaming Today)

Ma non è forse quello che accade anche nei territori di quello che abbiamo imparato a chiamare folk horror al cinema, filone con cui questo gioco ha molti punti da spartire? UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ. (Sentieri Selvaggi)

Parte delle prove portate a sostegno della sua tesi provengono dal furto di dati che Capcom ha subito nel 2020 Condividi l'articolo. (LaScimmiaPensa.com)

A esso si aggiunge Resident Evil Re:Verse, una modalità online a se stante dove gli utenti iniziano a giocare come personaggi umani, dandosi la caccia a vicenda e raccogliendo fiale di virus sparse per la mappa. (Webnews)

La fotografa Judy A. Resident Evil ha sempre fatto dell’atmosfera uno dei suoi punti di forza. (iCrewPlay.com)

Secondo una causa presentata dalla fotografa Judy A. A sinistra il particolare di una porta presente in Resident Evil, a destra la foto scattata da Juracek. (Pokémon Millennium)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr