Draghi, i furbetti dei vaccini e lo scaricabarile di Stato

Draghi, i furbetti dei vaccini e lo scaricabarile di Stato
Stretto web INTERNO

La realtà è molto diversa: le vaccinazioni le sta gestendo lo Stato con il piano vaccinale realizzato dal precedente governo con il commissario Arcuri, che è stato poi attuato per il tramite delle Regioni.

E se oggi c’è chi “salta la fila” per accaparrarsi un vaccino, è lo Stato che deve fare mea culpa

I furbetti dei vaccini, quelli che hanno davvero superato la fila con scuse e pretesti.

Poi le trombosi, i morti, il capitombolo dell’EMA su Astrazeneca che adesso è sconsigliato proprio ai giovani che prima lo facevano. (Stretto web)

Su altre fonti

Qualche giorno prima aveva ricevuto la fiala AstraZeneca. Il legame fra causa ed effetto è tutto da dimostrare, ma il peso del dossier sui pazienti è indubbio. (IL GIORNO)

Di solito assume la forma di un aggiornamento del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglietto illustrativo” (LaPresse) – Il Comitato di valutazione dei rischi per la farmacovigilanza (Prac) dell’Ema ha avviato una revisione per valutare segnalazioni di sindrome da perdita capillare in persone che sono state vaccinate con AstraZeneca (LaPresse)

Tutti gli altri faranno bene a completare il ciclo, anche quelli che hanno iniziato con AstraZeneca senza riportare effetti collaterali di rilievo. Colori regioni: ecco quali oggi cambiano colore AstraZeneca, il ricercatore italiano: "Migliaia di test, ma ora si vedono gli effetti" Basta una sola dose di AstraZeneca? (Quotidiano.net)

"Registrati per il vaccino pur non appartenendo alle categorie fragili, serve una campagna di informazione"

"Altresì necessario - prosegue - sarebbe utile comunicare con una nota specifica alla popolazione abruzzese tutta anche la tipologia di vaccini da utilizzare per la somministrazione alle categorie previste dallo stesso decreto ministeriale e recepite dalla delibera di giunta menzionata" L'andamento della campagna vaccinale in Abruzzo non rispetterebbe i criteri di priorità stabiliti dal ministero della Salute. (ChietiToday)

Sì alla seconda dose per chi è già vaccinato. Chi ha già ricevuto una prima dose Vaxzevria, può completare il ciclo col medesimo vaccino. Ok dai 18, effetto protettivo da trombosi negli over 60. Il vaccino è approvato dai 18 anni d'età. (Giornale di Sicilia)

In altre parole, potenzialmente ci sono più probabilità di morire per un occhio di bue che per il vaccino Per avere lo stesso numero di trombosi da vaccino la popolazione della Terra dovrebbe essere pari a 6 volte quella attuale e dovrebbero essere vaccinati tutti insieme. (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr