AGROALIMENTARE, 1,5 MILIONI DI EURO PER INCREMENTARE RAPPORTO DIRETTO TRA PRODUTTORI E CONSUMATORI IN FILIERE CORTE

AGROALIMENTARE, 1,5 MILIONI DI EURO PER INCREMENTARE RAPPORTO DIRETTO TRA PRODUTTORI E CONSUMATORI IN FILIERE CORTE
MI-LORENTEGGIO.COM. SPORT

Il contributo viene calcolato sulle spese ammissibili: da un minimo di 50.000 euro a un massimo di 600.000 euro per progetto

Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi presentando il bando realizzato, nell’ambito del Programma di sviluppo rurale, per favorire le filiere corte in Lombardia.

Questo significa migliorare la competitività delle aziende della filiera agroalimentare e collegare maggiormente produttore agricolo e consumatore”. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Ne parlano anche altre fonti

L'ex rossonero dovrà ora restituire oltre 1,5 milioni di euro. Renato Panno. Come noto, il Milan e Zvonimir Boban sono in causa per il licenziamento 'per giusta causa'. Il club rossonero, dopo la sentenza, ha presentato un ricorso che, come riferisce 'Calcio e Finanza', è stato parzialmente accettato. (Pianeta Milan)

riformulato la sentenza di primo grado per la causa di lavoro intentata da Boban contro il Milan. Nuovo capitolo nella querelle Milan-Boban , che stavolta non arride all'ex dirigente rossonero. (Eurosport.it)

La Corte di Appello di Milano ha accolto il ricorso del club e ora il dirigente croato dovrà restituire oltre 1,5 milioni di euro alla società rossonera dopo la causa che è seguita al licenziamento dell’ex calciatore da parte della squadra di via Aldo Rossi. (Sport Fanpage)

Guerra legale tra Boban e il Milan: l’ex dirigente dovrà restituire più di 1,5 milioni di euro

Secondo quanto riferisce Calcio e Finanza, il ricorso del Milan è stato nuovamente accolto e adesso è Boban che dovrà resituire più di un milione di euro alla società Il croato, dopo essere stato licenziato dai rossoneri nel Marzo 2020, ha fatto causa alla società. (Milan News 24)

L’ANSA riporta che la Corte di Appello di Milano ha riformulato la sentenza di primo grado per la causa di lavoro intentata da Boban contro il Milan. Boban dovrà dunque restituire un importo intorno agli 1,2 milioni di euro al Milan e una cifra pari all’ammontare di tutti i guadagni derivanti dalle sue attività lavorative dal marzo 2020 a fine novembre 2022, compresi dunque quelli derivanti dal suo attuale ruolo in UEFA (alfredopedulla.com)

Ecco che cosa ha detto un portavoce: "Boban ha una causa in corso con il Milan, non con il fondo Elliott" Il croato, dopo essere stato licenziato dalla società rossonera nel 2020, ha fatto causa al Diavolo. (Il Milanista)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr