Mario Draghi contro la chiusura delle scuole: “La Dad crea diseguaglianze”

Risoluto INTERNO

Mario Draghi nella conferenza stampa sull’ultimo decreto legge approvato ha parlato di scuola rispetto la pandemia: “La scuola – ha detto- non va abbandonata.

“Probabilmente – ha detto il presidente del Consiglio intervenuto assieme ai ministri della Salute Roberto Speranza e dell’Istruzione Patrizio Bianchi e al coordinatore del Cts Franco Locatelli – ci sarà un aumento delle classi in Dad nelle settimane settimane, ma quello che dobbiamo respingere è un ricorso generalizzato alla didattica a distanza”

Le terapie intensive sono per due terzi occupate da non vaccinati”. (Risoluto)

Ne parlano anche altri media

Il movimento no vax con ogni evidenza sbaglia, ma certo il governo Draghi non è la soluzione: è l’origine del problema Trovo queste affermazioni incredibili, degne di un demagogo che nasconde i propri errori dietro la costruzione di capri espiatori. (Il Fatto Quotidiano)

Come al solito, si crea, si demonizza e si massacra un capro espiatorio obbligato, per coprire le proprie inadempienze e contraddizioni. Non devono vivere, lavorare, andare in giro, al ristorante, partecipare alla vita pubblica, devono pagarsi le spese se si ammalano (Lo Speciale)

I non vaccinati (i no vax) sono quelli che non hanno ricevuto la terza dose. Nel tentativo di fomentare l’odio sociale contro i no vax, il premier ha dato dimostrazione dell’inefficacia e dannosità dei vaccini. (Come Don Chisciotte)

A mio modo di vedere noi in questo momento avremo un aumento del numero di classi in Dad che culminerà forse, come dice una rivista specializzata del settore, del 50% di classi in Dad fra una settimana, quindi avremo quest’incremento che è fisiologico”. (Tecnica della Scuola)

Come vedremo meglio tra poco, queste percentuali non dimostrano però che non vaccinati e vaccinati hanno la stessa probabilità di finire in ospedale. Fact-checking: la conferenza stampa di Draghi, Speranza e Bianchi. (Pagella Politica)

Ci chiediamo dunque: il discorso di Draghi, le sue accuse condite di inesattezze, si può configurare come hate speech? Difficile quindi applicare qui la definizione di hate speech: anche perché i non vaccinati non sono una minoranza. (RENOVATIO 21)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr