Tassi Federal Reserve in aumento contro l'inflazione

Tassi Federal Reserve in aumento contro l'inflazione
Virgilio Notizie ECONOMIA

Giornalista professionista, scrivo di cronaca, politica ed economia: ho lavorato per La Repubblica, La Stampa, Sky, Il Manifesto, Ansa, Rai e QuiFinanza. In passato mi sono occupato anche di Social Media Management e Copywriting in varie agenzie di comunicazione (Hub09, Doing, WPP). L’inflazione stringe nella morsa anche gli Stati Uniti. I tassi sui titoli di Stato a 2 anni americani sono schizzati oltre il 4,1% dopo le ultime decisioni e comunicazioni della Federal Reserve, la banca centrale degli Usa. (Virgilio Notizie)

La notizia riportata su altri media

Oltre al previsto aumento di 75 punti, la Fed si è mostrata determinata a inasprire le condizioni monetarie a un ritmo ancora più rapido e prevede di mantenere i tassi a un livello restrittivo più a lungo. (Investing.com Italia)

La Fed tira dritto nel percorso di aumento dei tassi per contrastare l’inflazione. Dal dot plot emerge che i funzionari puntano su nuovi rialzi dei tassi fino a raggiungere il tasso terminale del 4,6% nel 2023. (Borse.it)

US500 -1,72% Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio US2YT=X +-0,26% Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio E soprattutto, il cosiddetto dot plot della Fed suggerisce ulteriori inasprimenti aggressivi all’orizzonte, con i tassi che potrebbero arrivare al 4,6% nel 2023. (Investing.com Italia)

La Fed alza i tassi di 75 punti. Aumento anti-inflazione al 3,25%

I dati intraday e in tempo reale del Grafico S&P 500 sono tratti dalle quotazioni di prodotti OTC. (Money.it)

Le valute dell'Asia, al di fuori del Giappone, sono destinate a subire pressioni oggi, visto l'atteggiamento falco della Fed, puntualizzano gli esperti. Il dollaro si è rafforzato durante la seduta asiatica con la prospettiva di ulteriori rialzi dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve. (Milano Finanza)

Come preannunciato, la Banca centrale statunitense (Fed), intensificando la sua lotta contro l’inflazione cronicamente alta, ha aumentato il suo tasso di interesse di 75 punti base, ovvero ben tre quarti di punto per la terza volta consecutiva, un ritmo aggressivo che sta aumentando il rischio di un’eventuale recessione. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr