Covid: la catastrofe in India dipende dalla variante?

Covid: la catastrofe in India dipende dalla variante?
Focus INTERNO

A complicare le cose c'è il fatto che diverse varianti sembrano essere prevalenti in diverse parti dell'India.

E mentre il resto del mondo cerca di aiutare come può (e come il governo indiano permette), ci si chiede quale sia il contributo della B.1.617, la cosiddetta "variante indiana" di coronavirus, a questa devastante seconda ondata.

Al momento, l'India ha vaccinato con entrambe le dosi meno del 2% della sua popolazione e la presunta scarsa efficacia del vaccino contro la variante indiana non sembra, da sola, una spiegazione convincente. (Focus)

Ne parlano anche altre fonti

'India ha registrato un nuovo record, stavolta nel numero di morti giornalieri causati dal coronavirus: più di 3.680 in 24 ore. Secondo il governo, quasi 13,3 milioni di persone hanno presentato domanda di vaccinazione nel primo giorno di apertura delle registrazioni. (AGI - Agenzia Italia)

La missione ha una durata prevista di un paio di settimane Siamo abituati a intervenire negli scenari delle catastrofi internazionali, l’assistenza sanitaria non conosce confini. (Prima Vercelli)

Covid in India, la denuncia choc: «La polizia ha portato via la bombola d'ossigeno a mia madre per darla a un 'vip'». Lo riferisce il ministero della salute federale, con un totale di 3.349.644 casi attivi nel paese. (leggo.it)

India, 3.689 vittime di Covid in 24 ore. Vaccinato solo il 2% della popolazione: mancano le dosi

Un ringraziamento per la collaborazione è stato rivolto dall’assessore Icardi anche agli assessori regionali alla Cooperazione internazionale, Maurizio Marrone e alla Protezione Civile, Marco Gabusi. (Cuneodice.it)

I dati sono quelli ufficiali, forniti dal ministero della Salute, che portano a circa 3.350.000 i casi attivi nel vasto Paese asiatico. Il totale dei decessi ora supera le 212.000 unità, tuttavia molti ritengono che le cifre reali siano molto più alte. (Euronews Italiano)

I numeri della pandemia crescono vertiginosamente di giorno in giorno e gli ospedali non hanno più ossigeno a disposizione per i pazienti. L'India dovrebbe chiudere temporaneamente ma totalmente" (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr