Kazakhstan «normalizzato», è iniziato il ritiro delle truppe russe e della Csto | il manifesto

Kazakhstan «normalizzato», è iniziato il ritiro delle truppe russe e della Csto | il manifesto
Il Manifesto ESTERI

Quasi tremila militari del contingente, inviato la settimana scorsa a seguito delle proteste esplose per i rincari del prezzo del gas (e degenerate in scontri armati nelle principali città), hanno iniziato ieri a caricare equipaggiamento e attrezzature sugli aerei da trasporto russi per tornare ai rispettivi punti di dispiegamento permanente.

La situazione è ormai «stabile» nella gran parte del paese, il livello di allerta è stato revocato nelle città

Il ritiro avverrà in maniera graduale, e impiegherà in tutto dieci giorni. (Il Manifesto)

Su altri giornali

Si è svolto ieri il previsto video-incontro dei Capi di stato dei paesi del ODKB (Armenia, Russia, Bielorussia, Tadžikistan, Kyrgyzstan, Kazakhstan) dedicato alla situazione in Kazakhstan. Sembra che in Turchia siano convinti che nel gioco sia invischiata una discreta parte della élite kazakha e, secondo la Habertürk, presto «il Turkestan orientale diverrà teatro di un grande gioco» (Contropiano)

“La missione delle forze CSTO è compiuta”, ha assicurato il presidente Kassym-Jomart Tokayev due giorni prima. Arrivate quando il grosso delle violenze era già passato, le forze della CSTO dovevano solo fare la loro comparsa. (oggiurnal)

https://it.sputniknews.com/20220110/kazakistan-tokayev-sicuro-in-rivolte-coinvolti-guerriglieri-da-afghanistan-e-medio-oriente-14563980.html. Kazakistan, Tokayev sicuro: in rivolte coinvolti guerriglieri da Afghanistan e Medio Oriente. (Sputnik Italia)

Kazakistan, Tokayev sicuro: in rivolte coinvolti guerriglieri da Afghanistan e Medio Oriente

Addio ad un eroe. Familiari e compagni danno l'addio al tenente colonnello Sandybek Khairov, nella Casa degli Ufficiali di Almaty, in Kazakhstan. Khairov è stato ucciso durante i disordini iniziati con proteste pacifiche per l'aumento dei prezzi dell'energia e, in particolare, del GPL. (Euronews Italiano)

Lunedì mattina, i leader dell’Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva (CSTO) hanno tenuto una sessione straordinaria per discutere del Kazakistan. Difendendo il pronto intervento delle forze di pace della CSTO in Kazakistan, Putin ha affermato che “era necessario reagire senza indugio”. (La Voce Delle Voci)

Eppure sia la Russia che la Cina sono molto consapevoli che la Turchia rappresenta essenzialmente la NATO che entra in Asia centrale. Non ci volle molto perché Tokayev capisse i meriti di chiamare immediatamente in soccorso la CSTO: il Kazakistan aveva firmato il trattato nel lontano 1994 (L'AntiDiplomatico)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr