il Pil della zona euro si contrae più di quello americano

il Pil della zona euro si contrae più di quello americano
Notiziario Finanziario Notiziario Finanziario (Economia)

Se le previsioni degli analisti saranno confermate, il calo di Pil più marcato sarà registrato nel Regno Unito.

Sono dati molto peggiori rispetto ai trimestri successivi al fallimento di Lehman Brothers nel quarto trimestre 2008 e nel primo trimestre 2009.

La notizia riportata su altri giornali

Secondo la stima flash di Eurostat, il tasso annuale dell’inflazione è indicato allo 0,4% nell’Eurozona, in aumento rispetto allo 0,3% di giugno. I rialzi maggiori hanno riguardato le voci ‘cibo, alcol, tabacco’ (2%, in calo rispetto a 3,2% di giugno), seguiti dai beni industriali non energetici (1,7% rispetto a 0,2% di giugno) e servizi (0,9%, a giugno era 1,2%). (Wall Street Italia)

Nel secondo trimestre del 2020, ancora legato alle misure di contenimento dei contagi, il prodotto interno lordo è sceso del 12,1% nell’area euro e dell’11,9% nell’Ue, rispetto al trimestre precedente. (Zazoom Blog)

Spargete lavoce: 5 per mille a lavoce.info. Destinate e fate destinare il 5 per mille dell’Irpef a questo sito in quanto “associazione di promozione sociale”: Associazione La Voce, Via Bellezza 15 – 20136 Milano, codice fiscale 97320670157. (Lavoce.info)

Leggi su ilfattoquotidiano. GeaPilato : RT @ElioLannutti: Anche il Pil francese cade ai minimi dal dopoguerra (-13,8%). Spagna in recessione (-18,5%) @sole24ore - (Zazoom Blog)

Le stime Eurostat e le valutazioni sul regime inflazionistico destano non poche preoccupazioni. L'inflazione nel mese di luglio è stimata in crescita dello 0,4%, con un lieve aumento rispetto allo 0,3 di giugno. (Redazione AriaMediterranea)

Per l’Eurostat il Pil è crollato del 12,1% congiunturale nell’area dell’euro e del 11,9% nell’Ue. A livello mondiale, gli Stati Uniti hanno appena segnato un Pil -32,9%, record negativo dal 1947 (QUOTIDIANO.NET)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr