Covid, a Milano la protesta dei venditori ambulanti. VIDEO

Covid, a Milano la protesta dei venditori ambulanti. VIDEO
Sky Tg24 INTERNO

I commercianti chiedono di poter riaprire "prima possibile " e "immediati ristori" per il comparto "allo stremo”.

(COVID: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEL CONTAGIO - LA SITUAZIONE A MILANO)

Oltre ai bus a noleggio, in mattinata sono scesi in piazza anche i venditori ambulanti, penalizzati dalle restrizioni anti Covid.

I manifestanti si sono radunati in piazza Duca d’Aosta, davanti alla Stazione Centrale, al grido "lavoro, lavoro". (Sky Tg24 )

Ne parlano anche altri media

Mi avete tolto il lavoro, come posso affrontare questa situazione? In centinaia si sono dati appuntamento davanti alla stazione Centrale di Milano per poi mettersi in corteo verso corso Buenos Aires (Corriere della Sera)

Ambulanti, ristoratori e parrucchieri in corteo Camion, furgoni e auto dei commercianti in strada: siamo allo stremo Prefetto e sindaco ci aiutino. La manifestazione indetta dall'associazione nazionale ambulanti si è svolta questo pomeriggio anche a Benevento. (Ottopagine)

Una manifestazione, quella del quartiere Santa Rita, che ha ricevuto la solidarietà anche dei negozianti della zona che hanno appeso sulle proprie vetrine alcuni cartelli. In diversi mercati di Torino gli ambulanti hanno montato i propri banchi, è successo in corso Cincinnati, corso Racconigi e Porta Palazzo. (TorinoToday)

"Ridateci dignità e lavoro". Protestano gli ambulanti di Carpaneto e Pianello

E chi già era reduce dalla crisi degli ultimi anni, purtroppo è stato costretto a rivolgersi agli usurai L’allarme di Afi: “Molti costretti a rivolgersi agli usurai”. “Essere una partita Iva oggi in Italia ha un costo molto elevato. (Inews24)

TV7 ha incontrato Tony Caruso presidente dell’Associazione Mercati Rionali. Sentiamo le sue dichiarazioni (TV Sette Benevento)

“Le condizioni per accedervi sono assurde e poi non vogliamo soldi, vogliamo solo poter esercitare quello che è un nostro diritto costituzionale E’ necessario per loro tornare a lavorare perché il lavoro è essenziale per chi lo fa e non solo per chi lo riceve”. (Libertà)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr