Professore decapitato, Valls: «Le vignette su Maometto a scuola e sui giornali, non cediamo all’auto-censura»

Professore decapitato, Valls: «Le vignette su Maometto a scuola e sui giornali, non cediamo all’auto-censura»
Corriere della Sera Corriere della Sera (Esteri)

Signor Valls, lei era primo ministro della Francia nel 2015, nei giorni degli attentati a «Charlie Hebdo», al supermercato ebraico e poi al Bataclan.

Poi va messo in atto il piano contro l’islam politico presentato poche settimane fa dal presidente Macron, che ha proprio la scuola al centro».

La figura nobile del professore, colui che educa gli allievi a essere veri cittadini e a pensare liberamente». (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altri media

Proprio in questi gironi nella capitale francese è in corso il processo contro i complici degli attentatori che effettuarono le stragi nella redazione di Charlie Hebdo e nel supermercato Hyper Cacher nel gennaio 2015. (La Stampa)

Nei giorni scorsi avrebbe mostrato in classe agli studenti le caricature di Maometto, probabilmente durante un corso sulla libertà d'espressione, scrive Le Monde. Come riferito da alcuni media francesi, avrebbe urlato "Allah akbar" minacciando la polizia col coltello, l'aggressore che ha decapitato un uomo per strada ad Eragny, nell'hinterland parigino. (Giornale di Sicilia)

Il rifugiato e la caccia al professore che aveva “sporcato” Maometto

Tre settimane dopo l'attentato islamista all'ex redazione del settimanale Charlie Hebdo, che ha lasciato a terra due feriti gravi, è stato colpito un insegnante. Ha ucciso un docente reodi aver mostrato ai suoi studenti le caricature di Maometto durante una lezione sulla libertà di parola e di espressione. (ilGiornale.it)

Venerdì, mentre rientrava […] Samuel Paty era un insegnante che amava fare il suo mestiere: “Voleva davvero trasmetterci qualcosa. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr