Agrigento, raid vandalico alla Scala dei Turchi di Realmonte: identificati e denunciati i responsabili

Agrigento, raid vandalico alla Scala dei Turchi di Realmonte: identificati e denunciati i responsabili
La Milano INTERNO

Nel frattempo, la Scala dei Turchi – bene candidato a diventare patrimonio mondiale dell’umanità Unesco – è stata ripulita da un esercito di volontari

Le successive perquisizioni hanno consentito di ritrovare, all’interno dei magazzini ispezionati, guanti sporchi della stessa polvere e ulteriori, inequivocabili, prove.

Due i denunciati alla Procura della Repubblica di Agrigento per l’ipotesi di reato di danneggiamento di beni avente valore paesaggistico. (La Milano)

Ne parlano anche altri giornali

I carabinieri hanno indagato nelle ultime 48 ore per identificare colui che ha deturpato uno degli scorci più belli della Sicilia, meta di migliaia di persone che ogni anno accorrono per ammirare la parete bianca che si scaglia a strapiombo sul mare cristallino. (Gente Vip)

“I certificati di rito – spiegava la giudice Ettorina Contino – non recano traccia di un condanna o dell’esercizio dell’azione penale per le vicende sopra descritte”. Ma pochi giorni fa, Domenico Quaranta ha raggiunto la scala dei turchi imbrattandola di vernice rossa (Il Dubbio)

Le indagini sullo sfregio alla Scala dei Turchi hanno portato all’individuazione degli autori del raid vandalico risalente alla notte fra venerdì 7 e sabato 8 gennaio. Si tratterebbe di due favaresi, Domenico Quaranta, 49enne già noto alle forze dell’ordine, e Francesco Geraci, 47 anni, incensurato. (Mondopalermo.it)

Scala dei Turchi: Archeoclub Italia valuta di costituirsi Parte Civile

Già domenica 9 gennaio, dalla mattina, la scogliera di marna bianca della Scala dei Turchi era stata ripulita da alcuni volontari La falesia, candidata a diventare patrimonio dell’umanità Unesco, era stata imbrattata con polvere di ossido di ferro rossa. (Agenpress)

Un’azione fatta con coscienza e volontà per deturpare uno dei beni più importanti d’Italia che ha ricevuto una risposta pronta e decisa da parte dell’Arma dei carabinieri. Era una sfida a cui abbiamo risposto in maniera forte per salvaguardare il nostro territorio” (Grandangolo Agrigento)

Lo ha affermato Rosario Santanastasio, geologo e Presidente Nazionale di Archeoclub D’Italia. “Apprendiamo con grande entusiasmo la notizia dell’individuazione dei possibili autori dell’imbrattamento della Scala dei Turchi in Sicilia. (Sardegna Reporter)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr