Borsa Milano Oggi, 12 ottobre 2021: Ftse Mib parte negativo

Money.it ECONOMIA

In attesa dell’asta di Bot a un anno per 6 miliardi di euro, lo spread Btp-Bund è stabile a 108 punti base.

leggi anche Mercati oggi: Cina e inflazione spaventano le Borse. L’unico segno più sul Ftse Mib è registrato da Saipem (+0,22%) mentre le performance peggiori sul listino delle blue chip sono appannaggio di STMicroelectronics (-1,96%), Moncler (-1,86%) e Tenaris (-1,63%).

Rosso dello 0,94% per Tokyo, dove il Nikkei ha chiuso a 28.230,61 punti

Avvio di seduta in calo per la Borsa di Milano oggi: sul Ftse Mib l’unico segno più è registrato dalle azioni Saipem mentre le banche quotano in rosso. (Money.it)

Su altre fonti

All’AIM Italia Health Italia non riesce a fare prezzo per eccesso di rialzo, dopo la forte volatilità registrata nelle ultime sedute Riflettori ancora puntati sui titoli del settore bancario, che attendono i risultati trimestrali dei colossi finanziari statunitensi. (SoldiOnline.it)

Sempre prima dell’avvio delle contrattazioni, focus sui numeri relativi l’andamento dell’inflazione USA mentre in serata l’appuntamento è con le minute dell’ultima riunione della Federal Reserve. Avvio di seduta in calo per la Borsa oggi: a penalizzare il Ftse Mib ci stanno pensando, ancora una volta, le aziende di pubblica utilità. (Money.it)

Unico timido segno più è quello di Saipem (+0,18%) L'indice Ftse Mib cede l'1,24% a 25.609 punti dando così seguito ai ribassi di inizio ottava. (Yahoo Finanza)

Adesso per le Borse arrivano giorni cruciali intanto a Piazza Affari attenzione a questo titolo, che si prepara a tornare sui massimi. I nostri Analisti racconta i motivi nell’articolo: “Le Borse sono atterrite dal fattore I ma Piazza Affari torna in pista per il record”. (Proiezioni di Borsa)

Dalle minute dell’ultima riunione della Federal Reserve è emerso che il piano di acquisto straordinario potrebbe terminare già a metà 2022. Borsa Milano Oggi, aggiornamento ore 9:25: Ftse Mib, banche tornano a salire. (Money.it)

Sullo sfondo rimangono le crescenti preoccupazioni sull'inflazione, con i prezzi del petrolio che ieri hanno aggiornato i massimi pluriennali. Meglio ha fatto Prysmian (+3,55% a 30,60 euro), miglior performer di tutto il Fte Mib all'indomani dell'annuncio dell'estensione della partnership con Openreach. (Finanzaonline.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr