Novak Djokovic, "l'ossessione di un fanatico". Il vaccino? No, cosa c'è davvero dietro il "suicidio" degli Australian Open

Novak Djokovic, l'ossessione di un fanatico. Il vaccino? No, cosa c'è davvero dietro il suicidio degli Australian Open
Altri dettagli:
Liberoquotidiano.it ESTERI

Djokovic cacciato dall'Australia, il suicidio perfetto per un vaccino: perché rischia tutto. L'Australian Open lo voleva (e lo vuole) in cartellone e ha cercato di agevolargli le pratiche.

Lo fa anche Ronaldo, con i microsonni, il punto non è l'elenco delle manie, ma l'abitudine a considerare ogni mossa che stavolta è saltata.

Non ne ha centrata una", ricorda la Stampa.

Djokovic è finito in questo schema e si è intestardito su quell'unica ragione che ora gli rovina la reputazione

A furia di puntare dritto avanti a sé si è scordato quel che c'era intorno. (Liberoquotidiano.it)

Se ne è parlato anche su altri media

Pure questo è un record ma non siamo sicuri del fatto che sia qualcosa di cui Nole possa vantarsi Un supersportivo dovrebbe poter unire facilmente o, al massimo, far chiacchierare i tifosi che appartengono a una o all’altra “fazione”. (Ticinonline)

Djokovic, il rivoluzionario boicottaggio di Carofiglio. Novak Djokovic non sa se rimarrà in Australia o meno, Gianrico Carofiglio invece vive e prospera in Italia. Niente altro che salire sul “treno Djokovic”. (Il Primato Nazionale)

Bruno Bertelli, global cco Publicis WW e ceo Publicis Italy. Una doppia premessa, ed un concetto di base: “Djokovic era ‘antipatico’ pure prima del caso Australia”. Bertelli inizia la sua analisi da una premessa doppia. (Primaonline)

Il campione diventato paladino No vax, la parabola triste di Djokovic

F ra i temi forti di questi giorni c’è la vicenda Djokovic. Djokovic che ha mentito e gli organizzatori degli Open d’Australia, che pur di assicurarsi la presenza di Novak hanno accettato una documentazione medica farlocca. (L'Unione Sarda.it)

Qui ha perso la sua partita: il governo australiano (ogni altro governo decente avrebbe fatto la stessa cosa) quasi sicuramente lo espellerà. Bugie neanche tanto elaborate o mascherate o confezionate per non essere scoperte, Djokovic era certo se le sarebbero bevute perché se le volevano bere. (Blitz quotidiano)

Ci saranno proteste, tafferugli, divisioni, o semplicemente Djokovic camminerà mostrato a dito, con addosso lo stigma del cattivo maestro? Ormai che gli piaccia o no è visto come il paladino dei no vax, il ribelle di una causa sostenuta solo da una - rumorosa - minoranza in tutto il pianeta. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr