Camorra a Napoli, le vittime e i killer sono coetanei: è la mattanza dei ventenni

Camorra a Napoli, le vittime e i killer sono coetanei: è la mattanza dei ventenni
ilmattino.it INTERNO

Tre omicidi in due mesi, siamo in zona millennials, ecco la camorra napoletana.

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati

Killer e vittime coetanei.

Hanno appena il tempo di guardarsi negli occhi - giusto il tempo di riconoscersi al di là dei volti travisati e della maschera di pietra che si compone di fronte a un agguato - prima di inchiodarsi ai loro ruoli. (ilmattino.it)

Su altre fonti

La sta uccidendo la camorra e il malaffare, con la violenza e la crudeltà di coloro che hanno dimenticato di essere umani!”. – “Stanno uccidendo Napoli! (Metropolis)

Il 28 luglio, due autobombe esplosero nei pressi della Basilica di San Giovanni in Laterano e della Chiesa di San Giorgio in Velabro “State uccidendo Napoli, camorristi arrendetevi, giù le armi”: la rabbia del vescovo Battaglia L’appello dell’arcivescovo di Napoli, monsignor Mimmo Battaglia ai camorristi: “Arrendetevi, state uccidendo Napoli. (Fanpage.it)

Agli uomini di camorra, ai corrotti e ai collusi con la criminalità dico: ritornate ad essere umani! "Agli uomini di camorra, ai corrotti e ai collusi con la criminalità dico: ritornate ad essere umani! (La Repubblica)

Camorra, guerra a Ponticelli: 10 agguati e 5 bombe. Battaglia: "Stanno uccidendo Napoli"

La sta uccidendo la camorra e il malaffare, con la violenza e la crudeltà di coloro che hanno dimenticato di essere umani!». È il grido d’allarme che lancia l’arcivescovo metropolita di Napoli, monsignor Domenico Battaglia, dopo gli ultimi omicidi e gli altri fatti di sangue verificatisi in città . (Corriere del Mezzogiorno)

Tra i tanti messaggi c'è quello del neo sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi Sentimenti condivisi anche dall'arcivescovo di Napoli Domenico Battaglia che, in un lungo messaggio, condanna apertamente il clima di tensione che questi atti criminali stanno determinando. (NapoliToday)

Coinvolti i clan Minichini, De Luca Bossa e Casella, in carcere sono finiti anche i boss Eduardo e Giuseppe Casella. "La sta uccidendo la camorra e il malaffare, con la violenza e la crudeltà di coloro che hanno dimenticato di essere umani”, denuncia Battaglia (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr