Cugini uccisi ad Acireale, confessa proprietario terreno. Sparato diversi colpi. «Volevano cacciarmi dalla proprietà»

Cugini uccisi ad Acireale, confessa proprietario terreno. Sparato diversi colpi. «Volevano cacciarmi dalla proprietà»
Altri dettagli:
MeridioNews - Edizione Catania INTERNO

Un'ipotesi, quest'ultima, che dai familiari è stata messa in dubbio, per l'età dell'uomo - oltre la settantina - e per la prestanza delle due vittime

Vito e Virgilio Cristian Cunsolo, dopo essere stati uccisi, sarebbero stati trascinati e successivamente con l'uso di un carrello abbandonati in un terreno adiacente per poi coprirli con alcuni teloni in plastica.

La conferma è arrivata dallo stesso Battiato, che ha detto agli inquirenti che le due vittime si erano presentate pochi giorni prima minacciandolo e invitando ad abbandonare la proprietà. (MeridioNews - Edizione Catania)

La notizia riportata su altre testate

Una delle ipotesi al vaglio degli investigatori è i due siano stati sorpresi a rubare dei limoni. Durante la notte i carabinieri hanno sentito familiari, amici e conoscenti delle due vittime, che sarebbero parenti tra loro, per ricostruire la loro personalità e le loro frequentazioni. (Giornale di Sicilia)

Due cugini, uno di 29 e uno di 30 anni, sono stati trovati morti per ferite d’arma da fuoco, nella serata di ieri a Pennisi, una frazione di Acireale nel Catanese. Tra i sospettati, ci sarebbe un uomo anziano, probabilmente uno dei proprietari terrieri della zona (Il Quotidiano Italiano - Nazionale)

Una delle ipotesi al vaglio degli investigatori è i due siano stati sorpresi a rubare dei limoni. I militari avrebbero già un’idea sulla ricostruzione di quanto avvenuto tra martedì notte e ieri pomeriggio, momento in cui i Cunsolo sono stati trovati senza vita (IL GIORNO)

Duplice omicidio in agrumeto nel Catanese, un fermo

Due uomini sono stati trovati senza vita mercoledì 22 giugno nelle campagne di Pennisi, una frazione di Acireale, nel catanese. I parenti avevano cominciato a spaventarsi dopo che i due non avevano fatto ritorno a casa. (Il Fatto Quotidiano)

Un'ipotesi, quest'ultima, che dai familiari è stata messa in dubbio, per l'età dell'uomo - oltre la settantina - e per la prestanza delle due vittime Il proprietario del terreno con annessa masseria dove sono stati uccisi Vito Cunsolo Terranova e Virgilio Cristian Cunsolo, di 29 e 30 anni, ha confessato di essere responsabile del duplice delitto. (MeridioNews - Edizione Catania)

Una delle ipotesi al vaglio degli investigatori e’ i due siano stati sorpresi a rubare dei limoni. A cercare Cunsolo e Cunsolo Terrano erano stati alcuni familiari, visto che il giorno prima non erano rientrati a casa. (il Fatto Nisseno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr