Covid Italia, Sileri: "Stop a certificati e richieste tamponi con 50% vaccinati" - Ck12 Giornale

Covid Italia, Sileri: Stop a certificati e richieste tamponi con 50% vaccinati - Ck12 Giornale
Ck12 Giornale INTERNO

“Potremo dire stop a certificati e richieste di tamponi quando avremo raggiunto il 50% degli italiani che hanno completato il ciclo vaccinale, in attesa di raggiungere l’80%” ha dichiarato infatti il rappresentante del governo.

POTREBBE INTERESSARTI: Sondaggi Politici, Meloni prepara il sorpasso a Salvini: la nuova distanza. Sileri sui no-vax. Pierpaolo Sileri parla anche dei non vaccinati: “non credo che siano no-vax i non vaccinati nella fascia 60-69 anni. (Ck12 Giornale)

Ne parlano anche altri giornali

“In presenza del green pass – spiega Sileri – si possono superare questioni come le dimensioni del locale o il ricambio dell’aria“. Roma, 7 giu – “Via tutti i divieti per chi fa il vaccino“: è la proposta del sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri che di fatto discrimina i non vaccinati. (Il Primato Nazionale)

La popolazione deve sentirsi protetta grazie alla vaccinazione, lasciamoci il terrore alle spalle e ricominciamo a vivere. Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, si esprime così sull’emergenza covid: aumentano i vaccini, diminuiscono i contagi e calano anche i decessi. (Il Reggino)

È molto raro che il vaccinato sia contagiato e ancor di più che possa trasmettere l’infezione Pierpaolo Sileri, non da oggi, è convinto che si possa fare qualche passo in avanti più deciso verso la completa libertà. (Il Messaggero Veneto)

Covid, Sileri: «A luglio la svolta, lasciamo alle spalle il terrore e ricominciamo a vivere»

Credo che sia prevalentemente una diffidenza per i vaccini a loro consigliati che sono Johnson&Johnson e AstraZeneca" afferma Sileri Quanto ai non vaccinati, "non credo che siano no-vax i non vaccinati nella fascia 60-69 anni. (Adnkronos)

Ma tra persone che si conoscono e sono tutte vaccinate no, non vedo perché io non potrei invitare a casa 15 vaccinati tutti insieme". (Fanpage.it)

Tra un mese – questo il tempo ‘canonico’, che comunque può essere anticipato o dilatato – le Sezioni Unite depositeranno la loro sentenza sulla convalida o meno dell’estromissione di Palamara. (Quotidiano online)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr