Gas, a rischio il 60% dei flussi dalla Norvegia: il prezzo tocca 175 euro

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

Ascolta la versione audio dell'articolo. 3' di lettura. L'Europa, già a corto di gas, sta perdendo anche le forniture dalla Norvegia: tre giacimenti sono fermi da martedì 5 luglio a causa di uno sciopero e se non si troverà al più presto una soluzione alla vertenza i flussi rischiano di ridursi del 56% entro sabato 9: una perdita di 178 milioni di metri cubi al giorno, pari a oltre un decimo del fabbisogno nel Vecchio continente. (Il Sole 24 ORE)

La notizia riportata su altre testate

La lobby norvegese dei datori di lavoro del petrolio e del gas aveva affermato che gli scioperi avrebbero potuto fermare quasi il 60% delle esportazioni di gas norvegese verso l'Europa dal 9 luglio. (Milano Finanza)

Il prezzo del combustibile tuttavia ha solo rallentato la corsa, tornando – dopo una breve tregua – a scambiare intorno a 172 euro per Megawattora al Ttf, in rialzo per la sesta seduta consecutiva (Il Sole 24 ORE)

Secondo il governo, le parti avevano concordato "che avrebbero posto fine allo sciopero in modo che tutti potessero tornare al lavoro il prima possibile" È ingiustificabile permettere che la produzione di gas si fermi", ha dichiarato il ministro del Lavoro norvegese Marte Mjos Persen in un comunicato. (Alto Adige)

"E' previsto che tutti gli impianti tornino in piena attivita' entro qualche giorno", ha sottolineato la compagnia a controllo pubblico precisando nei siti interessati dallo sciopero (Oseberg Est, Oseberg Sud e Gudrun) il lavoro sta ripartendo in condizioni di sicurezza. (Il Sole 24 ORE)

Mercoledì 6 luglio 2022 - 09:42. Gas, prezzi in calo sul mercato europeo: -7,9% a 152 euro a mwh. Per il benchmark front month olandese. CONDIVIDI SU:. . . . . . . . . . . Roma, 6 lug. (askanews) – I prezzi europei del gas naturale hanno fermato la loro ascesa dopo che i sindacati norvegesi del petrolio e del gas hanno deciso di porre fine allo sciopero e la Germania ha preso provvedimenti per alleviare la sua crisi di approvvigionamento. (Agenzia askanews)

Gli sviluppi dello sciopero in Norvegia, che ha colpito le forniture al Regno Unito e all’Europa, non potevano arrivare nel momento peggiore Considerando che la Norvegia è la principale fonte di gas naturale del Regno Unito nel 2021, i prezzi del gas naturale e dell’energia elettrica sono in aumento a causa dei problemi di approvvigionamento. (Scenarieconomici)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr