Battaglia sui vertici di Generali, patto Del Vecchio-Caltagirone sull’11% del Leone

Battaglia sui vertici di Generali, patto Del Vecchio-Caltagirone sull’11% del Leone
Nordest Economia ECONOMIA

Del Vecchio ha auspicato che il Leone deve tornare al ruolo leader di fine anni Novanta

Per Piazzetta Cuccia la formula della lista del cda tutelerebbe l’indipendenza delle Generali ma il gruppo dei soci dissidenti spinge per una svolta radicale.

Francesco Gaetano Caltagirone e Leonardo Del Vecchio sono usciti allo scoperto con un patto di consultazione sull’11% del gruppo triestino con l’obiettivo di un cambio deciso nella gestione. (Nordest Economia)

Ne parlano anche altre testate

Diventa ufficiale il patto tra Francesco Gaetano Caltagirone e Leonardo Del Vecchio per la ’partita’ su Assicurazioni Generali, dopo che i due nei giorni scorsi avevano aumentato le loro rispettive quote in vista dell’assemblea dei soci di aprile che dovrà rinnovare il consiglio di amministrazione e valutare la riconferma dell’ad Philippe Donnet, accordo finito anche sotto osservazione della Consob. (Money.it)

L'accordo siglato da Leonardo Del Vecchio e Francesco Gaetano Caltagirone in vista del rinnovo del cda di Generali non scalda il titolo del Leone che a oggi guadagna lo 0,63% I legami di Generali con Mediobanca. (Finanza.com)

Azioni Generali: analisi tecnica e strategie operative. Da un punto di vista grafico, le Assicurazioni Generali si trovano inserite all’interno di una tendenza rialzista particolarmente sostenuta Il patto tra Caltagirone e Del Vecchio mira a cambiare i vertici della società a partire dall’Amministratore Delegato, Philippe Donnet. (Investire.biz)

Generali, al via il confronto in vista del rinnovo del consiglio di amministrazione

Del Vecchio e Caltagirone, patto di consultazione in Generali. Il patto Del Vecchio-Caltagirone riunisce il 10,95% del capitale, di cui il 5% apportato da Delfin e il restante 5,95% da 13 società dell’imprenditore romano. (Finanza Report)

Ieri l’ad di Generali Philippe Donnet è stato premiato da Institutional Investor come il secondo miglior ceo di settore dopo Oliver Baete di Allianz, mentre il cfo del Leone, Cristiano Borean, e il capo dell’investor relations, Giulia Raffo, si sono classificati al primo posto nelle rispettive categorie (la Repubblica)

Mediobanca resta convinta che la lista del board sia la strada giusta per continuare a migliorare la governance delle Generali. È il senso del patto di consultazione a cui i due imprenditori hanno vincolato il 10% del capitale delle Generali (Mediobanca ha il 13%). (Notizie - MSN Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr