Il blackout di Internet: così una rete CDN ha paralizzato il web - 24+

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

L'ipotesi di un cyberattacco di livello così esteso è sembrata sin da subito poco credibile. E infatti pare si sia trattato di un errore nei servizi di configurazione di Fastly, società che gestisce tra le più grandi Content Delivery Network al mondo

(Il Sole 24 ORE)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Ma il problema ha coinvolto anche servizi a livello globale come l'amministrazione pubblica britannica o Twitch, la piattaforma di streaming video di Amazon, il social network Pinterest o Spotify. In the meantime keep an eye on the https://t. (Mark Up)

La causa è stata presto indentificata e la responsabilità attribuita a Fastly, che oggi interviene per spiegare in modo dettagliato cosa è successo: tutta colpa di un bug. Down mondiale: Fastly spiega cosa è accaduto. (Punto Informatico)

Da Amazon alla Casa Bianca un guasto ferma il web (Corriere p.19, Repubblica p.6). “Internet ora è più fragile”. (Informa)

Ma quale hacker? Un clic di troppo ha buttato giù mezza Internet

Problemi a Fastly che sta causando qualche grana ai siti. Nella pagina status di Fastly, i gestori hanno individuato il problema facendo sapere che è tutto collegato ai servizi CDN. nel periodo iniziale dell’anno è stato segnato da un violento incendio che ha segnato profondamente un data center di OVH e di conseguenza mandando offline tanti siti (CheNews.it)

I più grandi siti web al mondo, ieri mattina, hanno smesso di funzionare nello stesso momento, causando il panico tra gestori e utenti. Tra i clienti dell'azienda statunitense ci sono proprio le più ricche multinazionali e gli enti istituzionali delle grandi potenze mondiali (Leggo.it)

Dopo essere stato a sua volta provocato, s'intende. Non sono stati gli hacker, non è stato Anonymous, non è stato l'ex presidente Trump, che pure di molti dei siti colpiti non era amico: si sa che cos'è che l'altro giorno ha buttato giù mezza Internet, ma non si sa chi ha mossa la manina. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr