Zona arancione, Valle d’Aosta a rischio. Sicilia, Lombardia e Piemonte in zona gialla: i colori delle regioni

Zona arancione, Valle d’Aosta a rischio. Sicilia, Lombardia e Piemonte in zona gialla: i colori delle regioni
Corriere della Sera INTERNO

La media dei p osti occupati in area medica da nuovi casi positivi al Covid e al 27,1% quella dei posti occupati in terapia intensiva e al 17,5%.

La Lombardia supera l’occupazione in area medica con 33% ma le terapie intensive sono al 16,8%

Ad eccezione della Valle d’Aosta che rischia di finire in fascia arancione tutte le regioni sono sotto la soglia critica.

di Monica Guerzoni e Fiorenza Sarzanini. (Corriere della Sera)

La notizia riportata su altri giornali

La variante Omicron è nuova e ancora in fase di studio, vedremo come si evolverà la situazione nei prossimi giorni». È evidente che esiste una differenza tra chi entra in ospedale per una patologia che dipende dal Covid e chi entra per un’altra patologia, magari perché ha subito un incidente stradale e, sottoposto al tampone pre-ricovero, risulta positivo. (MyValley.it)

Per il passaggio in zona gialla i parametri sono: il tasso di occupazione dei posti letto ospedalieri nei reparti ordinari al 15% e quello nelle terapie intensive al 10%. La Campania, nei dati di oggi, è al 25,8% per le aree mediche e 10,6% per le terapie intensive (Salernonotizie.it)

"Uno dei tre parametri previsti per il passaggio di zona (quello delle terapie intensive, ndr) è ancora sotto la soglia di allarme. La Regione, però, partirà con una catalogazione differente, distinguendo i ricoverati "con" il Covid e quelli "per" il Covid (Prima Brescia)

Covid, la Valle d'Aosta verso l'arancione (con alcuni parametri da zona rossa)

Lombardia gialla, Fontana: “Malati di (o con) covid?”. La Lombardia resta gialla e il governatore Attilio Fontana tira un sospiro di sollievo. “Non possiamo più mettere sullo stesso piano chi finisce in ospedale a causa del covid e chi ha bisogno di cure per tutt’altro motivo, ma nel contempo risulta positivo” (Rete55)

Sappiamo che a breve si riunirà il Cts nazionale per esaminare la proposta – ha concluso Fontana – e attendiamo di sapere cosa deciderà” Sulla possibilità di non inserire i positivi asintomatici nel computo dei ricoverati il presidente Fontana ha precisato: “La richiesta è stata avanzata per una questione di correttezza e trasparenza. (Mantovauno.it)

Tuttavia grazie all'introduzione della certificazione verde Covid per molti valdostani il ritorno in arancione passerebbe praticamente inosservato. (Aosta Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr