Aspirina: sì o no? La straordinarietà del farmaco messa in dubbio da una ricerca

Aspirina: sì o no? La straordinarietà del farmaco messa in dubbio da una ricerca
La Voce di New York SALUTE

La ricerca americana è stata condotta su circa 22mila medici, tutti maschi e di non oltre 40 anni d’età, scelti tra coloro che osservavano uno stile di vita sano e rigoroso.

L’aspirina, dunque, sintetizzata per la prima volta dal chimico tedesco Felix Hoffmann, sembrerebbe il farmaco più straordinario e di maggior successo della storia.

Già nel 1972, un altro medico statunitense, Lee Wood scrisse su Lancet che una compressa di aspirina riduceva il rischio di trombosi arteriosa, raccomandandone l’uso. (La Voce di New York)

La notizia riportata su altre testate

Il presidente Siprec: "Per molti è necessaria, ma bisogna studiare bene i casi" "Serve, ma su misura" di Federico Mereta. Arriva un cambio di linea sulla prescrizione universale ai soggetti a rischio ma che non hanno avuto eventi cardiovascolari: meglio evitarla sopra i 60 anni. (La Repubblica)

“Le prove recenti sono chiare: l’inizio di un regime giornaliero di aspirina non è raccomandato per le persone di età pari o superiore a 60 anni per prevenire il primo infarto o ictus”, ha affermato il dott. (laredazione.eu)

Contrordine dagli Usa: no all'aspirina per prevenire ictus e infarti

Il documento suggerisce che gli esperti stanno proponendo nuove linee guida New York Times. Le nuove linee guida non si applicano alle persone che già assumono aspirina o che hanno già avuto un infarto (TGcomnews24)

La task force ha adesso abbassato l'età a 60 anni Specificando per l'aspirina un uso occasionale e non generale per la prevenzione primaria. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr