Canone Rai, in arrivo un nuovo aumento: il motivo e le cifre del possibile rincaro

Notizie.it ECONOMIA

Gli italiani potrebbero presto trovare una nuova sorpresa in bolletta: non si eclude infatti un ipotetico rincaro del canone Rai, per via della situazione economica in cui versa l’azienda.

Rincaro del canone Rai: la proposta allo Stato. La volontà dell’amministratore delegato di Viale Mazzini è quella di vedere approvato il riconoscimento integrale del gettito del canone, eliminando le trattenute effettuate dallo Stato con le quali viene finanziato il fondo per il pluralismo. (Notizie.it )

Se ne è parlato anche su altri giornali

La pubblicità porta il 21% dei ricavi, pari a circa 501 milioni nel 2020. Il nuovo amministratore delegato della RAI, Carlo Fuortes, si è presentato in audizione alla Commissione di Vigilanza per presentare lo stato di forma della RAI, che non versa in grandi condizioni. (DDay.it - Digital Day)

Non è la prima volta che si sente parlare dell’eventuale estensione del canone Rai anche per smartphone e tablet. È chiaro a tutti che su questo fronte ci sarà evidentemente un forte scontro in Vigilanza Rai con chi ha posizioni dure e nette come la Lega e altri partiti (TuttoAndroid.net)

Si tratta, per l’esattezza, di 110 milioni di euro, che corrisponde al 6,5% degli incassi annuali derivanti dal canone RAI. In totale, la quota del canone RAI ammonta a 90 euro all’anno ed è addebitata ogni due mesi con la bolletta dell’elettricità. (InvestireOggi.it)

La Rai è la principale aziende culturale nazionale, va tutelata e difesa ma non a scapito di altri comparti strategici nazionali come l’editoria cartacea e radiotelevisiva” Simile il pensiero del capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione cultura alla Camera, Federico Mollicone. (Computer Magazine)

L’amministratore delegato della RAI, Carlo Fuortes, ha proposto di estendere l’obbligo del canone RAI anche a smartphone e tablet. Peccato che, già oggi, moltissimi possessori di apparecchi televisivi non guardano i programmi RAI preferendo altre piattaforme, soprattutto quelle con contenuti on-demand. (iPhone Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr