Gruppo Renault: il 2019 si chiude in perdita

Gruppo Renault: il 2019 si chiude in perdita
AlVolante AlVolante (Economia)

opo l’arresto a novembre 2018 dell’ex numero uno Carlos Ghosn, il Gruppo Renault ha attraversato un difficile periodo di riorganizzazione e questo sembra aver pesato sul bilancio del 2019, appena pubblicato dal gruppo francese, di cui fanno parte i marchi Renault, Dacia, Alpine, Avtovaz e Samsung Motors.

Ne parlano anche altri giornali

L’approdo di Luca De Meo in Renault nel ruolo di amministratore delegato sarà effettivo dal prossimo primo luglio, ma nel frattempo emergono alcuni dettagli dell’accordo che porterà in Francia il dirigente italiano. (Motori.it)

Servono soluzioni che si possano condividere non solo con la Formula 1, ma con il mondo automotive più in generale. Dunque, non sarà messo in discussione quanto è stato fatto finora, perché ci sarà una stabilità manageriale. (Quattroruote)

Pressoché in linea con le attese degli analisti (55,32 miliardi) i ricavi, scesi del 3,3% a 55,54 miliardi di euro. A pesare sono state le spese fiscali e i costi di ristrutturazione e svalutazione, nonché la debole performance delle joint-venture cinesi. (Milano Finanza)

I titoli hanno invertito la rotta e appaiono tra i migliori nel segmento principale della Borsa di Parigi. Il dividendo della Renault del 2019 scenderà di oltre due terzi a 1,10 euro per azione da 3,55 euro. (Il Sole 24 ORE)

Calano le consegne e i ricavi. Peggior andamento è stato registrato dal risultato netto, crollato da un utile di 3,3 miliardi a una perdita di 141 milioni di euro. (Quattroruote)

- Renault, la mancata sposa di Fca (che convolerà invece a nozze con il gruppo Peugeot Citroen), chiude il 2019 in rosso e non prevede di rialzare la testa a breve.La compagnia automobilistica francese, reduce dal caso-Ghosn che ha portato anche a mettere in discussione l'alleanza con Nissan - chiude in 2019 in rosso di 141 milioni di euro, per la prima volta dal 2009 e non prevede miglioramenti nel 2020. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti