Draghi alla firma del trattato del Quirinale: "Servono sovranità europea e una Difesa comune"

Draghi alla firma del trattato del Quirinale: Servono sovranità europea e una Difesa comune
La Repubblica INTERNO

Trattato del Quirinale, Draghi e Macron da subito in sintonia: “Mai più rigore” di Tommaso Ciriaco , Anais Ginori 25 Novembre 2021 di Tommaso Ciriaco , Anais Ginori. "Abbiamo vissuto momenti difficili

Bisogna creare una vera difesa europea.

Ora questo Trattato aiuta la costruzione di questa difesa europea che naturalmente è complementare alla Nato, non è sostitutiva.

Podcast - La giornata - Cosa c’è da sapere A cosa serve il Trattato del Quirinale. (La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altri media

Ogni volta, in questi anni, è stato Mattarella a riprendere il filo di un discorso che con lungimiranza e visione non poteva essere lasciato cadere. “Grazie - hanno riconosciuto Draghi e Macron - per aver per aver salvato i rapporti tra Roma e Parigi nella stagione dei populisti”. (Tiscali Notizie)

Nessuno dei presenti che applaude è infatti in grado di dire se tra pochi mesi il presidente della Repubblica sarà ancora al Quirinale, se il premier sarà a Palazzo Chigi o avrà traslocato al Colle, e se il presidente francese sarà all’Eliseo dopo il voto di aprile Era inevitabile che su questo accordo si incrociassero anche i destini personali dei tre protagonisti. (La Stampa)

Lo ha fatto senza coinvolgere gli altri ministri, i partiti di maggioranza e il Parlamento, che comunque ora dovrà votare per ratificarlo. «Le nuove regole - sostiene Draghi - devono riflettere un passato che bisogna correggere e un futuro che bisogna disegnare» (il Giornale)

Prodi: “Il sovranismo dei francesi frena l’Europa. Pd troppo piccolo per dare le carte sul Colle”

L’unità operativa italo-francese È previsto che le parti lavorino alla creazione di un’unità operativa italo-francese «per sostenere le forze dell’ordine in funzione di obiettivi comuni, in particolare nella gestione di grandi eventi e per contribuire a missioni internazionali di polizia». (Corriere della Sera)

Il Trattato, progettato nel 2017, è arrivato alla firma soltanto in virtù del rapporto tra il presidente francese Emmanuel Macron e il nostro premier. Silvio Berlusconi subì lo sgambetto di un Sarkozy deciso ad eliminare non solo Gheddafi, ma anche l'influenza italiana in Libia. (il Giornale)

Lo ha fatto con una sorta di candore: ricorda, l’ex presidente del Consiglio e della Commissione europea, che da quando i nostri Paesi si sono uniti, nel continente sono cessate le guerre E si sente – nella voce – che è così. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr