TOP VIDEO Amnesty: la pandemia di Covid-19 ha amplificato le disuguaglianze video

TIMgate ESTERI

Perché le vittime del Covid sono persone che sono state perseguitate dalle scelte politiche, dalle politiche pubbliche per molti anni'.

(askanews) - La pandemia di Covid-19 ha amplificato la disuguaglianze.

La più grande preoccupazione di Amnesty international è vedere l'estensione di quello che abbiamo già visto nel nome dell'anti-terrorismo, che è, la normalizzazione di misure eccezionali'

mnesty: la pandemia di Covid-19 ha amplificato le disuguaglianze. (TIMgate)

La notizia riportata su altre testate

La risposta alla pandemia è stata ulteriormente compromessa da leader che hanno sfruttato la crisi e hanno usato il Covid-19 per attaccare i diritti umani. In Bangladesh, a causa del lockdown e del coprifuoco, molti lavoratori del settore informale sono rimasti senza reddito né protezione sociale. (La Difesa del Popolo)

«Tempi senza precedenti obbligano a dare risposte senza precedenti e richiedono leadership fuori dal comune», scrive nell’introduzione Agnès Callamard, segretaria generale di Ai La pandemia usata dai governi per comprimere i diritti umani e i diritti umani garantiti a tutti come vettore per uscire dalla pandemia. (Il Manifesto)

È quanto emerge dal rapporto 2020-2021 sui diritti umani presentato oggi da Amnesty International, che descrive “un mondo in preda al caos, con i sistemi sociali, politici ed economici a pezzi”. “Tutte le ricerche – ha sottolineato Russo – dimostrano che la pandemia è stata utilizzata deliberatamente per limitare la fruizione diritti umani da parte delle popolazioni” (La Difesa del Popolo)

CORONAVIRUS: le RESTRIZIONI hanno calpestato i DIRITTI UMANI, lo dice il RAPPORTO di AMNESTY INTERNATIONAL

Emanuele Russo, presidente di Amnesty International Italia, inizia così la presentazione online del “Rapporto annuale sui diritti 2020-2021 – La pandemia ha conseguenze devastanti per i diritti umani”, che prende in esame 149 Paesi. (Corriere della Sera)

L'organizzazione ha sottolineato come in molti Paesi le norme di restrizione per prevenire il contagio da coronavirus abbiano aumentato le disuguaglianze nelle fasce più deboli della popolazione come migranti e minoranze, calpestando sotanzialmente i diritti umani. (iLMeteo.it)

In Bangladesh, a causa del lockdown e del coprifuoco, molti lavoratori del settore informale sono rimasti senza reddito né protezione sociale. Sono stati i gruppi già maggiormente vulnerabili, tra cui le donne e i rifugiati, a subire l’impatto devastante della pandemia. (Romasette.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr