Evergrande, ecco la lista che fa tremare i colossi

La Stampa ECONOMIA

Gli stessi su cui sono esposti colossi come Ashmore, BlackRock, Ubs, Hsbc, Pictet e, seppure per cifre irrisorie, le italiane Fideuram e Mediobanca

Dieci obbligazioni in questi giorni fanno tremare i polsi a mezza Wall Street.

Sono i bond di Evergrande, il secondo costruttore immobiliare cinese sull’orlo della ristrutturazione, che vanno dal marzo 2022 al giugno 2025.

(La Stampa)

Su altre testate

Nel 2020, però, il governo di Xi Jinping ha deciso di adottare politiche più restrittive nei confronti del settore immobiliare, diramando dei criteri di prudenza finanziaria e stabilendo tre “linee rosse” per regolamentare l’accesso a nuovo credito sulla base dell’indebitamento complessivo e della solvibilità a breve termine (Radio Onda d'Urto)

Nel contempo, la banca centrale cinese (Pboc) ha erogato 120 miliardi di yuan (18,6 miliardi di dollari) nel sistema bancario attraverso accordi di ‘reverse repo’, valicando il muro dei 30 miliardi di yuan di scadenze odierne. (Il Sussidiario.net)

Quindi prima o poi qualcosa doveva succedere. Dopo Evergrande, cambierà l’atteggiamento anche del settore bancario che si mostrerà molto più cauto nel concedere credito, non solo per il settore immobiliare ma in generale (Finanza.com)

La Pboc aveva effettuato iniezioni a breve per 100 miliardi di yuan sia venerdì sia sabato. Il Dax di Francoforte a 15.498,85 punti sale dello 0,98% mentre il Cac 40 di Parigi dell'1,29% a 6.637,00 punti. (la Repubblica)

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 settembre 2021 - 13:22. Contenuto esterno. . . Altri sviluppi Altri sviluppi La Svizzera sempre capolista in materia di innovazione Questo contenuto è stato pubblicato il 20 set 2021 Da ormai dieci anni, la Confederazione è il Paese più innovativo al mondo, stando alla graduatoria pubblicata dall'OMPI L'istituto centrale aveva effettuato iniezioni a breve per 100 miliardi di yuan sia venerdì sia sabato. (tvsvizzera.it)

Le riforme sul tavolo del governo: dal Catasto, al fisco e alle misure antidelocalizzazione. Le vendite estere di moda donna, secondo i dati elaborati dal Centro Studi di Confindustria Moda per Smi, ammontano, pertanto, a 4,3 miliardi circa nel primo semestre del 2021. (Radio 24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr